«PHOENIX RISING - Deep Purple» la recensione di Rockol

Deep Purple - PHOENIX RISING - la recensione

Recensione del 29 giu 2011

La recensione

Un dvd e un cd (ma sono in commercio anche versioni in formato Blu-Ray e doppio vinile) ricapitolano la tumultuosa, rocambolesca e drammatica storia dei Deep Purple Mark III e IV: quelli del dopo "Machine head" e "Made in Japan", con David Coverdale, Glenn Hughes e Tommy Bolin a rimpiazzare Ian Gillan, Roger Glover e Ritchie Blackmore. Tipica saga da "rock'n'roll Babylonia" metà anni Settanta, che nel documentario di 80 minuti "Getting tighter" viene ricostruita minuziosamente attingendo a suggestive immagini d'archivio (compresi brevi frammenti live dei Trapeze e dei Purple Mark II) e alle testimonianze - senza sottotitoli, almeno nella copia promo in nostro possesso - di Jon Lord e di Hughes, candido e sincero nel raccontare la lunga battaglia personale contro la dipendenza dalla cocaina. Gli ingredienti classici, qui, ci sono tutti, e in dosi abbondanti: trionfi e tragedie (la morte di Bolin per overdose, quella del roadie Patsy Collins a Giacarta in circostanze tuttora misteriose), arresti e pistole, groupies e aerei privati, capelli extralong e pantaloni ultraaderenti, cameratismo e tensioni, tour esotici e festival nel fango, divertimento e nervi a fior di pelle (la famosa sequenza all'Ontario Motor Speedway dell'aprile 1974, Blackmore che assale una telecamera dell'ABC con la chitarra e il palco che prende fuoco per un effetto pirotecnico fuori controllo). "Come in un film di Fellini", sintetizza Hughes ricordando che è così che si suppone debba essere il rock'n'roll: una cosa pericolosa e poco gentile. I Purple come gli Zeppelin e gli Stones di quegli stessi anni, regnanti in un'atmosfera da Basso Impero mentre all'orizzonte sorge il movimento punk, ma ancora capaci di sprazzi di grande musica: "Burn", "Stormbringer" e "Come taste the band", i concerti autoindulgenti ma carichi di elettricità documentati nel cd e nei trenta minuti filmati il 15 dicembre del 1975 al Budokan di Tokyo. Sono i Purple hard blues con doppia voce solista, con Lord e Ian Paice a tenere il filo col passato e la chitarra di Bolin più funky, rotonda e sensuale di quella di Blackmore, alle prese con nuovi inni ("Burn") e vecchi classici ("Smoke on the water", "Highway star"). Ripresi alla fine dei loro giorni, in "una cartolina di quando tutto stava andandosene all'inferno".
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.