«WORLD'S ON FIRE - Prodigy» la recensione di Rockol

Prodigy - WORLD'S ON FIRE - la recensione

Recensione del 21 giu 2011

La recensione

Per questo DVD non servono solo buone orecchie, ma anche notevole resistenza e un buon allenamento fisico. "World's on Fire Live" non è la normale ripresa di un insolito spettacolo; ha il pregio di riuscire a trasmettere anche l'energia che normalmente le casse e lo schermo non riescono a restituire. Il consiglio è: scarpe co
mode e vestiti leggeri perché è difficile ascoltare e non ballare. Questo i Prodigy per primi lo avevano intuito ed è per questo, forse, che hanno deciso di farsi immortalare dalle telecamere, per la prima volta, proprio durante il Warrior' s Dance Festival al Milton Keynes Bowl, nel luglio del 2010. E non è stato certo un caso: si parla della tournée che ha segnato il ritorno della formazione britannica sulla scena musicale, a sette anni di distanza dall'ultimo lavoro "Always Outnumbered (Never Outgunned)", del 2005.
"Smack my bitch up", "Voodoo people", "Firestarter", "Breathe", insomma tutti successi che hanno reso celebre la band si alternano alle atmosfere (leggermente) più cupe dei nuovi brani di "Invaders must die". La regia, di Paolo Dugdale, punta alla "rottura della quarta parete", al dinamismo. Le riprese tremolanti, le luci intermittenti, le inquadrature si alternano in sequenze velocissime. Si spreca l'utilizzo dell'obiettivo grandandogolare "a occhio di pesce" che suggerisce (se non era già abbastanza chiaro) l'ottimale ottica con cui approcciare allo spettacolo: meglio se distorta. L'immagine di una consolle rudimentale fa da menù al Dvd; girando alcune delle sue fluorescenti manopole si visualizzano i contenuti "extra". Riprese più o meno amatoriali, girate in Brasile, Giappone, America, Gran Bretagna e Europa, tratte dal tour mondiale di "Invaders Must Die" potrebbero avere il gusto di innocenti vacanze estive degli artisti se solo non fossero inframezzate da scene pirotecniche tratte direttamente dallo stage. In buona sostanza, si salta e si balla dall'inizio alla fine di "World's on Fire Live". Che ci si trovi sul palco, tra il pubblico, o sul divano di casa.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.