«SHIVER - Jonsi» la recensione di Rockol

Vertigine, tensione, libertà: il ritorno di Jónsi

La voce dei Sigur Rós, in questo suo secondo progetto solista, esplora diverse anime della musica, delineando un viaggio immersivo e ricco di arrangiamenti ambiziosi.

Recensione del 02 ott 2020 a cura di Claudio Cabona

Voto 7/10

La recensione

Il ritorno di Jónsi ha tanti volti, non è uniforme, ma custodisce anime molteplici. Si passa dalla claustrofobia e dalla vertigine di “Swill” alla sensazione di fluttuare nello spazio di “Cannibal”, brano toccante realizzato in collaborazione con la cantante scozzese Elizabeth Fraser. Un progetto sempre ricco di tensione emotiva, che non delude. Sono passati sette anni dall’ultimo album dei Sigur Rós, “Kveikur” del 2013, ma la voce inconfondibile della band islandese, Jónsi, in realtà non si è mai spenta. Il suo primo disco solista è del 2010, si intitola “Go”. Nel periodo di pausa della band post rock di Reykjavík, in sette anni, Jón Þor Birgisson, questo il suo vero nome, ha realizzato quattro colonne sonore per diversi film e alcune installazioni artistiche, alimentando la sua voglia di sperimentare in più campi.

Spaziare fra i suoni
Se il primo progetto solista si muoveva nel solco della musica di Phillip Glass, “Shiver” è più oscuro. Non mancano, in realtà, momenti più aperti e di luce, ma vengono percepiti come raggi di sole che trafiggono le nuvole e riscaldano per poco tempo. Le fondamenta del progetto sono intrise di ritmi industrial sporchi, di synth taglienti e fluidi, chitarre ondeggianti e di un suono ricercato al pianoforte su cui si incastra la voce magnifica di Jónsi. È un suono più audace e ambizioso rispetto alla prima fatica solista, figlio del lavoro svolto con il produttore A.G.Cook. Capo di PC Music e direttore creativo di Charli XCX, Cook, con il suo approccio futuristico electro-pop, ha contaminato in modo netto il lavoro: "Kórall" e "Swill" ne sono la dimostrazione. I fan riconosceranno alcune delle atmosfere dei Sigur Rós, ma in “Shiver” c’è molto di più una comfort zone: si percepisce un tentativo dichiarato di spaziare fra i suoni, andando alla ricerca di soluzioni nuove, senza perdere l’identità che ha sempre caratterizzato il post rock nord europeo. In alcune parti del disco il ritmo sale, rimescolando ancora una volta le carte in gioco, come in "Salt Licorice" in cui la pop star svedese Robyn si unisce al ritmo elettronico martellante. In totale sono dodici brani, ognuno ha una sua precisa linea stilistica.

La canzone da ascoltare: “Canninal”
Un brano in cui, sottopelle, si sente la storia dei Sigur Rós. Il cuore e la voce di Jónsi fanno il resto, abbracciando il timbro di Elizabeth Fraser: il tutto, insieme, restituisce un brano avvolto in una sorta di sacralità, libero e aperto. La musica è densa e cambia direzione, permettendo alla mente di viaggiare. 

TRACKLIST
01. Exhale
02. Shiver
03. Cannibal (feat. Liz Fraser)
04. Wildeye
05. Sumarið Sem Aldrei Kom
06. Kórall
07. Salt Licorice (feat. Robyn)
08. Hold
09. Swill
10. Grenade
11. Beautiful Boy

TRACKLIST

01. Exhale (05:11)
02. Shiver (04:19)
03. Cannibal (with Elizabeth Fraser) (04:57)
04. Wildeye (04:35)
05. Sumarið sem aldrei kom (06:43)
06. Kórall (06:21)
07. Salt Licorice (with Robyn) (03:47)
08. Hold (03:00)
09. Swill (03:49)
10. Grenade (05:32)
11. Beautiful Boy (04:08)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.