«THE STORY OF THE GHOST - Phish» la recensione di Rockol

Phish - THE STORY OF THE GHOST - la recensione

Recensione del 08 nov 1998

La recensione

L’album in questione ha da poco debuttato al numero otto delle charts USA. Il poco prolifico quartetto, che mosse i suoi primi passi all’Università del Vermont nel 1983, due settimane fa si è divertito ad eseguire live, a West Valley, Utah, "Dark side of the moon" dei Pink Floyd. Per intero. La sera precedente, apparsi a Salt Lake City sotto falso nome, avevano goduto a suonare per i ben venti spettatori convenuti. Dettagli? Sì, ma che rendono bene l’idea delle mille sfaccettature del gruppo. Esatto, mille. Tante. Anzi, troppe. E sono dettagli che nell’economia di "The story of the ghost" si sentono. Troppo. Intendiamoci: non è un brutto disco. Ma c’è così tanta carne al fuoco, e così tanti riferimenti che, sebbene supportati da una "musicianship" indiscutibile, alla fine lasciano abbastanza disorientati. La nostra non è voglia di classificare, è solo voglia di capire. E qui non si capisce troppo. Dopo un inizio atmosferico su "Ghost", pezzo magari da sentire in cuffia a tarda notte, con un bel basso slappato, e che comunque ci fa tornare in mente "New frontier" di Donald Fagen, le cose si avvitano a spirale. "Birds of a feather", il singolo, è un brano suonato benissimo ed ideale come sottofondo ad un party radical-chic, tra un tramezzino al caviale e la salama da sugo. E poco più. "Meat" ci pare un esercizio francamente irritante, mentre il trucco di "Fikus" sarebbe quello di proporre una deviazione sulle cose già tangenziali di Waits; ma non sono Houdini, e neppure Silvan, e il tutto diviene, scusateci la franchezza, una palla mostruosa. Ci si risolleva quasi in chiusura con "Wading in the velvet sea", dai contorni squisiti, ma è tardi.

Tracklist:
Ghost
Birds of a feather
Meat
Guyute
Fikus
Shafty
Limb by limb
Frankie says
Brian and Robert
Water in the sky
Roggae
Wading in the velvet sea
The moma dance
End of session
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.