«SAD HAPPY - Circa Waves» la recensione di Rockol

Il manifesto esistenziale dei Circa Waves ci ricorda che tutti indossiamo una stessa maschera fatta di lacrime e sorrisi

La band di Liverpool torna con “Sad Happy”, un album diviso in due parti: una più spensierata e calda, l’altra riflessiva e malinconica

Recensione del 24 mar 2020 a cura di Claudio Cabona

La recensione

“Sad Happy”, nuova fatica dei Circa Waves, è un album perfetto per i tempi difficili che stiamo vivendo, catapultati in piena emergenza Coronavirus. Si fonda su un equilibrio fra allegria e tristezza, proprio su quel dualismo che spesso avvolge le nostre giornate casalinghe. La band di Liverpool, guidata da Kieran Shudall, è stacanovista: dal 2013 a oggi ha già all’attivo quattro album, compreso l’ultimo “Sad Happy” che arriva a solo un anno di distanza da “What’s It Like Over There?” del 2019. Si tratta di un concept articolato in due parti differenti, soprattutto a livello testuale: la prima metà è “happy”, allegra, la seconda invece è “sad”, triste. Un confronto rappresentato anche dalla copertina dell’album, una significativa fotografia che raffigura un clown triste, ma non disperato. L’istantanea è stata scattata dallo stesso Shudall. Il progetto, attraverso quindici canzoni, vuole mettere in luce la dicotomia fra due stati d’animo che spesso si trovano a coesistere nella vita, come nella musica. Tutti indossiamo lo stesso volto, la stessa maschera intrisa di lacrime o incisa da sorrisi. Una premessa affascinante suggellata da un buon rock e da testi molto differenti fra loro. I due capitoli dell’album, infatti, non si differenziano così tanto sul fronte delle sonorità, c’è una coerenza di fondo sul fronte sonoro, ma il distacco si percepisce sui testi e sui temi trattati. Per intenderci: la parte “sad” non è costellata da ballate dark, ma mantiene l’animo energico e rock della prima, mutano però i contenuti, che si fanno più introspettivi. La parte “happy” rimane comunque più strutturata e variegata.

Il disco si apre con il singolo di lancio “Jacqueline”, un brano frizzante e pop che racconta la storia di una giovane madre alle prese con gli ostacoli della quotidianità. Si prosegue con le distorsioni di “Be Your Drug”, cavalcata elettrica dalle atmosfere post-punk. C’è anche spazio per “Move to San Francisco”, un inno alla libertà dedicato al sogno di trasferirsi nella famosa città californiana. È interessante come, avvicinandosi alla fine di questo primo blocco di canzoni che corrisponde alla parte “felice”, ci siano sempre più sfumature verso il nostalgico o l’amaro. La traccia finale, infatti, “Love You More”, mette al centro un amore non del tutto corrisposto. Un preludio all’altro lato emotivo dell’album. Il ponte perfetto è costituito dalla prima traccia del “fronte triste”: “Sad Happy” si concentra sulla difficile ricerca del proprio io, un viaggio faticoso e spesso incompiuto. “Sympathy” ci mette davanti i temi della crescita, e lo fa con una melodia più lenta. Si tratta di una delle canzoni più ovattate del progetto. Con “Battered & Bruised” torna un ritmo più incalzante, quasi un cortocircuito con i temi sulla delusione affrontati nel brano. Non si spicca per originalità in questo frangente, ma la tenuta dell’album è buona. Merita una menzione speciale “Train To Line Street”: un brano dalla forte identità strumentale, che riproduce il rumore di un treno che corre sui binari, del chiacchiericcio dei passeggeri, oltre ai suoni delle stazioni. È un viaggio malinconico e avvolgente.

TRACKLIST

#1
01. Jacqueline (02:42)
02. Be Your Drug (02:28)
04. Wasted On You (03:10)
06. Call Your Name (03:11)
07. Love You More (03:43)

#2
01. Sad Happy (03:41)
02. Wake Up Call (02:53)
03. Sympathy (02:55)
04. Battered & Bruised (02:23)
07. Birthday Cake (04:22)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.