«VICEVERSA - Francesco Gabbani» la recensione di Rockol

La psicanalisi pop di Francesco Gabbani non perde mai il sorriso

A tre anni di distanza da “Magellano” e dopo il secondo posto al Festival di Sanremo, l’artista carrarese pubblica “Viceversa”, con cui interroga la sua parte interiore

Recensione del 15 feb 2020 a cura di Claudio Cabona

La recensione

“Viceversa”, il quarto album di Francesco Gabbani, è un inno alla condivisione e all’abbandono dell’individualismo. La title track (scritta con la collaborazione di Pacifico e prodotta da Matteo Cantaluppi) con cui l’artista carrarese ha raggiunto il secondo posto all’ultima edizione del Festival di Sanremo ne è una fotografia nitida. Un brano in cui l’amore è un “dare” e un “ricevere”. Il nuovo progetto, attraverso ballate, canzoni più intime, piano e voce, ritmi caldi e “gabbanate”, come le definisce lo stesso artista, cioè canzoni pop ricche di ironia, è il tentativo di interpretare il complesso rapporto tra l’individuo e la collettività, iniziando da un’analisi della propria dimensione.

A differenza del precedente album “Magellano”, in cui il comune denominatore tra i vari brani era il viaggio, in “Viceversa” si lascia spazio all’interpretazione dell’ascoltatore, che è sempre stata una cifra stilistica di Gabbani, ma che qui fa da perno a tutto il progetto. Anche “Occidentali’s Karma”, il tormentone con lo scimmione sul palco, con cui vinse il Festival di Sanremo nel 2017, in realtà non è una canzone banale e ha diversi piani di lettura: in queste nuove nove canzoni si va più in profondità arrivando a una scrittura che lascia parlare la parte interiore. La produzione è curata da Cantaluppi e da Ivan Rossi.

Ogni brano di questo album è una sorta di psicanalisi, lontana però da qualunque forma accademica, ma più orientata verso un sorriso. Nel brano d’apertura dell’album, “Einstein”, l’artista racconta del suo viaggio alla ricerca di un “io” non ancora del tutto trovato. Tutto parte da un dialogo immaginario tra il cantautore e Albert Einstein. “Il sudore si appiccica” strizza l’occhio alla disco-music e punta il dito sugli eccessi dell’individualismo. “Cinesi” porta con sé una domanda: “ma che fretta c’è?”. E lo fa, anche qui, su un’energia musicale potente. “Shambola” è un pezzo giocoso, un’esclamazione di vittoria quando proliferano sentimenti che diventano la linfa vitale di un rapporto capace di andare al di là del tempo e dello spazio. “Duemiladiciannove” si ricollega alla traccia d’apertura e trasmette una sorta di relatività dell’esistenza in cui tutto è un continuo divenire. Poi si passa dai ritmi vivaci di “È un’altra cosa” a un brano più molleggiato e cantautorale come “Bomba pacifista” dove Gabbani dimostra anche di saper giocare con la voce elencando “armi pacifiste” per combattere l’indifferenza. “Cancellami” è il brano di chiusura del progetto, con cui l’artista sceglie di raccontare la fine di un rapporto d’amore. Non vuole essere dimenticato, ma evitare che i ricordi possano trasformarsi in una dolorosa zavorra con cui convivere. È una canzone di respiro che chiude un album vario in cui Gabbani riesce a raccontare, a suo modo, tutto quello che sente e vede. 

TRACKLIST

01. Einstein (02:56)
03. Viceversa (03:35)
04. Cinesi (03:47)
05. Shambola (03:06)
06. Duemiladiciannove (03:32)
07. È un'altra cosa (03:18)
08. Bomba pacifista (03:25)
09. Cancellami (03:03)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.