«WHO - Who» la recensione di Rockol

Who's Who

L'ultimo album della band leggendaria tiene alto l’onore del rock. L'ascolto del vinile dalla redazione di "Vinyl"

Recensione del 15 dic 2019

La recensione

di redazione Vinyl

Ooops, they did it again. La premiata ditta The Who, ormai da anni ridotta al solo fantastico duo Daltrey/Townshend, sforna un nuovo disco.

Si tratta di undici tracce scritte dal chitarrista insieme al fratello Simon che, contrariamente a qualche pregiudizio (l’età, la stanchezza, la sindrome del presenzialismo…), riescono a restituirci ancora scampoli più che apprezzabili di quella che è stata la leggenda della band britannica.

Il sound è bello ruvido e caldo, senza concessioni troppo evidenti alla modernità e alla tecnologia, ma anche evitando il trappolone della nostalgia e del “vintagismo” a ogni costo.

CONTINUA A LEGGERE SU DEAGOSTINIVINYL.COM

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.