«AFRODITE - Dimartino» la recensione di Rockol

La sorpresa Dimartino

Il nuovo album segna un notevole scatto in avanti del cantautore siciliano, che qui si aggiorna ma senza perdere i suoi punti di riferimento. La recensione.

Recensione del 29 gen 2019 a cura di Mattia Marzi

La recensione

"Balliamo sotto i neon vicino a una spiaggia / tu ascolti i Pixies mentre io scrivo canzoni leggere". L'essenza di "Afrodite", a pensarci bene, sta tutta nei primi versi di "Giorni buoni", non a caso scelto come primo singolo del disco: ispirazioni della migliore tradizione dei cantautori italiani si fondono con un'attitudine più contemporanea e lo sguardo fisso sul presente. Da un lato Battisti e Battiato (i "temporali estivi" sono una citazione di "Campane tibetane"?), dall'altro i Phoenix e i Tame Impala, con quei sintetizzatori vorticosi e le chitarre effettate. A distanza di quattro anni dal suo ultimo disco solista, "Un paese ci vuole", "Afrodite" segna un notevole scatto in avanti di Dimartino, che qui si aggiorna ma senza perdere i suoi punti di riferimento.

Lo scatto in avanti è legato per lo più ad un lavoro di produzione e cura delle canzoni che non ha precedenti nella carriera del cantautore siciliano: al suo fianco, stavolta, troviamo Matteo Cantaluppi, che dopo aver contribuito a svecchiare il suono dei Thegiornalisti (c'è il suo zampino dietro a "Fuoricampo" e "Completamente sold out", gli album della svolta "pop" del trio romano), prova ora a ripetere la stessa operazione con Dimartino, aiutandolo ad esplorare nuovi mondi musicali.

Il folk dei primi dischi lascia qui spazio ad un gusto per l'elettronica piuttosto marcato, a suoni più frizzanti, "pop" - nell'accezione più positiva del termine, che guardano tanto agli ultimi anni '70 di Battisti ("Giorni buoni" sembra nascondere nell'arrangiamento diverse citazioni di "Amarsi un po'"), Battiato e Dalla quanto agli anni Duemiladieci di Tame Impala, MGMT e M83.

Dimartino ritrae il presente con piccoli flash, istantanee piuttosto efficaci: la voce di Mentana nel silenzio di un condominio ("Liberaci dal male"), lo Stato che chiude l'amore in un decreto ministeriale ("Feste comandate"), le sale bingo piene di disperati ("La luna e il bingo"). Scava nella parte più scura del nostro tempo, cercando però di trovare sempre una scintilla di luce: "Perché sono giorni buoni / fatti di ore crudeli", come canta in "Giorni buoni". Nell'approccio ricorda un po' il Battiato degli anni '80, anche se nel cantautore siciliano il giudizio sul presente era spietato e brutale, e lasciava ben poco spazio all'ottimismo ("Spero che ritorni presto l'Era del Cinghiale Bianco", sentenziava piuttosto Battiato).

Se il 2017 è stato l'anno della definitiva conferma di Brunori Sas (con quel gioiellino che è "A casa tutti bene") e il 2018 è stato l'anno di Motta, il 2019 potrebbe essere l'anno di Dimartino: con "Afrodite" prova a ritagliarsi un posto di rilievo nella nuova scena cantautorale italiana e ha tutte le carte in regola per riuscirci.

TRACKLIST

01. Giorni buoni (03:59)
02. Due personaggi (03:37)
03. Cuoreintero (03:43)
04. Pesce d'aprile (03:33)
05. Feste comandate (04:45)
06. Ci diamo un bacio (03:32)
07. Liberaci dal male (04:13)
08. La luna e il bingo (03:21)
09. I ruoli (03:11)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.