«THE IMPERIAL - Delines» la recensione di Rockol

Il country-soul dei Delines: "The imperial"

Continua il progetto di Willy Vlautin (Richmond Fontaine) con Amy Boone: 10 canzoni belle da spezzare il cuore.

Recensione del 14 gen 2019 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

"Country-soul": la definizione è loro, sta nelle loro biografie e sui loro social:  come tutte le etichette è abbastanza generica per essere risconoscibile anche da chi non mastica la loro musica, o da chi non ha mai sentito parlare di Willy Vlautin. Ma è una definzione che funziona, e descrive in due parole le anime di questa band.

"The imperial" è terzo album dei Delines, band formata da Vlautin, appunto - già mente e voce dei Richmond Fontaine, che rimangono uno dei nomi più sottovalutati del rock americano degli ultimi vent'anni. Vlautin, nel frattempo, però, ha messo la parola fine alla storia della sua storica band (ritornata l'anno scorso esteporaneamente per un album strumentale - colonna sonora del suo ultimo romanzo "Dont't skip out on me", pubblicato anche in italiano). Ormai è più noto come scrittore che come autore musicale, ma qua sempre ritorna, e i Delines sono il suo progetto principale.

Quello che rende ancora più belle le canzoni e le storie di Vlautin è la grazia della voce di Amy Boone. Vlautin continua a raccontare storie di persone al margine della società, di gente che fa a pugni con la vita - immaginatevi un "Nebraska" raccontato da Raymond Carver - ma la voce della Boon aggiunge un calore e una compassione che la voce imperfetta e roca di Vlautin non aveva. E la struttura musicale rimane "Americana" - inteso come genere e non solo come ambito di provenienza, con un ulteriore calore aggiunto alla matrice country dall'uso delle tastiere elettriche e da qualche fiato qua e là. Soul bianco delle periferie americane. 

E' un disco stupendo, "The imperial": di una bellezza struggente come la copertina, una macchina parcheggiata (o abbandonata) di fronte ad un hotel, quell "Imperial" dove nella stanza 315 due amanti si trovavano, prima che lui finisse in un casino giù al sud. O come la storia di "Eddie & Polly", due persone che si innamorano e si disamorano ("Fall in love" e "Fall out of love"), tre strofe per passare dall'ebbrezza, alle prime liti, alla rottura, quando la vita pressione della vita chiede il conto. Non c'è mai pietisimo, non c'è mai rabbia, in queste canzoni, solo il racconto e la musica come strumento per affrontare la vita, per provare a dare un senso alla quotidianità di chi vive nella "darkness on the edge of town".

"The imperial" è il primo, grande disco di questo 2019 - non serve altro se non un po' di tempo, un bicchiere di vino e un po' di luce soffusa, e possibilmente il libretto dei testi: canzoni da leggere come una raccolta di racconti.

TRACKLIST

01. Cheer up Charley (03:26)
02. The Imperial (05:23)
03. Where Are You Sonny? (03:58)
04. Let's Be Us Again (04:00)
05. Roll Back My Life (03:30)
06. Eddie & Polly (04:05)
07. Holly the Hustle (05:46)
08. That Old Haunted Place (03:05)
09. He Don't Burn for Me (05:13)
10. Waiting on the Blue (03:03)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.