CENERENTOLA

Rca Records Label (CD)

Voto Rockol: 3.0 / 5
Segui i tag >

di Redazione

Un cantautore genuino. Enrico Nigiotti è prima di tutto questo. Senza troppi orpelli e senza troppe pretese. Ci mette il cuore, tanto, in ogni pezzo. Parla solo di quello che conosce, o meglio, di quello che ha vissuto nella sua esperienza di essere umano e di aspirante artista professionista. “Dannata voglia di sognare” canta in “Chiedo scusa”: quella voglia l’ha portato a “Cenerentola”, terzo album del cantautore toscano e primo dopo il passaggio a X Factor dello scorso anno, dove Nigiotti si è aggiudicato il terzo posto anche e soprattutto grazie al suo inedito “L’amore è”, anch’esso presente in “Cenerentola”. Autore di ogni suo pezzo, Nigiotti, tra un talent e l’altro, ci ha messo un po’ ad arrivare a questo punto e tutto quello che c’è dietro l’ha raccontato in un disco che si fa anche testimone della realizzazione di un piccolo sogno, quello di cantare con Gianna Nannini, in featuring nella traccia d’apertura del disco, “Complici”, dove Nigiotti affida il ritornello e qualche seconda voce alla cantante di Siena. “Credimi, un po’ come ti pare però credimi” dice il cantautore nel pezzo con un mezzo parlato, che funziona bene, e che ci fa pensare che questa faccenda del “credimi” e dell’insistere sui verbi sia un po’ un chiodo fisso dopo il “tu credimi credimi credimi credimi sempre” de “L’amore è” e il “parlo parlo parlo e parlerò di te” di “Un altro giorno”.

Per uno come Nigiotti, che senza la sua chitarra non va da nessuna parte, era prevedibile che il disco sarebbe stato dominato dal suo strumento acustico, anche se non mancano archi, arrangiamenti più elaborati, incursioni nei ritmi caraibici e nella bossa nova. Il fantasma di Francesco De Gregori sembra a tratti aleggiare sul disco, ma lo dimentichiamo in fretta quando il cantautore tradisce una cadenza toscana che non dispiace. Quando, poi, Nigiotti tratteggia ritratti di donna, come in “Bomba dopo bomba”, ci ricordiamo che tra i punti di riferimento musicali dell'artista al primo posto sta il Komandante. Ed è bravo Nigiotti a far vivere con intensità le immagini di cui canta, immagini che sono un po’ il suo diario, quello di qualcuno che ha amato - “E visto che la vita non regala niente io ti regalo il cuore e resto tuo per sempre”-, ha combattuto – “Io mi gioco l’esistenza, non guardatemi le spalle” -, e ha detto la sua – “Ne faccio a meno di chi mi dice cosa devo o non devo”. L’impressione è che se non perderà la purezza che nemmeno i talent sono riusciti a portargli via, saranno sempre di più a chiedere i suoi pezzi – Nigiotti è anche autore – per le proprie interpretazioni. Non è detto, però, che il musicista a questo punto non scelga di tenerli per sé.

 

TRACKLIST

01. Complici - (03:23)
02. Bomba dopo bomba - (02:52)
03. Campari Soda - (03:07)
04. Buona notte - (03:05)
05. Un altro giorno - (02:37)
06. E sarà - (02:48)
07. Chiedo scusa - (02:56)
08. L'amore è - (03:44)
09. Lettera da uno zio antipatico - (03:19)
10. Tuo per sempre - (03:08)
11. Nel silenzio di mille parole - (03:08)
12. Devo prendere il sole - (02:46)