«TOURIST YOU ARE THE TERRORIST - Ratafiamm» la recensione di Rockol

Ratafiamm: leggi qui la recensione di "Tourist you are the terrorist"

A ben sette anni di distanza da "Low budget invention", i Ratafiamm tornano con un nuovo lavoro all'insegna di un pop elettronico molto elegante.

Recensione del 07 giu 2018 a cura di Marco Jeannin

La recensione

“Tourist you are the terrorist” è un disco scritto in viaggio su treni, aerei, auto, pullman. È un monito che si vuole dare innanzi tutto a noi stessi. Chi è il “turista”? Qualcuno che non è mai qui, che non è mai davvero presente. Se gli parli, ti guarda attraverso. Sta già pensando a quello che vedrà domani. Non si smarrisce mai. Tuttavia è perso in partenza. A volte viaggia, a volte scappa. Eppure è alla costante ricerca di una casa.

I Ratafiamm sono una band indie pop formata da Enrico Cibelli (testi, voce) e Andrea "deNITTIS" de nittis (musiche, strumenti, cori). Dopo la pubblicazione di un paio di EP, la vittoria del Premio Ciampi e del Premio Speciale SIAE 2005, fanno il loro esordio ufficiale nel 2011 con “Low budget invention”, album cui segue una lunga pausa durata fino ad aprile 2018, anno di pubblicazione di questo nuovo “Tourist you are the terrorist”, disco chiamato in questo caso più che mai a riprendere le fila di un discorso lasciato in sospeso per tanto tempo. Tanto, ma non troppo, perché rispetto a “Low budget invention”, “Tourist you are the terrorist” si presenta come un disco nettamente più completo e sicuro sia in termini di scrittura che di produzione. Nove i pezzi in scaletta, tutti all’insegna di un suono fondamentalmente indie pop votato ad un elettronica delicata che fa da sfondo al cantato intenso ed avvolgente di Cibelli.

Registrato, missato e masterizzato ad Approdo del Faggio - Poggio Torriana (RN) da Andrea de Nittis, in “Tourist you are the terrorist”, titolo che sembra uscito direttamente dalla penna di Ben Gibbard (in entrambe le sue incarnazioni, DCFC e The Postal Service, band che prenderei più in generale come punto di riferimento per questo progetto) si distinguono pezzi come la bella opening “Dilettanti”, ballad hot dai contorni soffusi, la tirata indie “Le chiavi”, uno dei rari momenti di gloria per la chitarra, l’incalzante“Dare voce” seguita da quella che possiamo considerare la titletrack, “Turista”, potenziale singolo, e la più che interessante e significativa cover di “Veramente” di Mario Venuti, reinterpretata alla maniera dei Ratafiamm del 2018. Pezzi che fanno di “Tourist you are the terrorist” un disco che rappresenta un ritorno senza dubbio inaspettato specialmente nella forma (un minimalismo frutto dell'esperienza), e per questo ancora più gradito.

TRACKLIST

01. Dilettanti (03:20)
02. Le chiavi (03:57)
03. Piccola patria (03:45)
04. Dare voce (03:46)
05. Turista (03:09)
06. Vedere (03:54)
07. Santa Claus (03:29)
08. Casa (03:24)
09. Veramente (04:56)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.