ENEMY

© Thaurus, Under exclusive license to Universal Mu (Digital Media)

Voto Rockol: 3.5 / 5
Segui i tag >

di Redazione

Noyz Narcos è uno che ama prendersi i suoi tempi. Tra un disco e un altro ha sempre fatto passare due o tre anni, il tempo necessario per realizzare lavori onesti e sinceri. Stavolta ha esagerato: nel senso che questo nuovo album, "Enemy", arriva a ben cinque anni di distanza dal precedente, "Monster" del 2013. È pur vero che nel 2015 è uscito "Localz only": ma quello era un album inciso insieme a Fritz da Cat, non un album vero e proprio del rapper romano. "Enemy" è un disco importante per Narcos: prossimo a tagliare il traguardo dei 40 anni, il rapper traccia un bilancio del suo percorso artistico.

Nei pezzi contenuti nell'album il suo mondo, a tratti old school, incontra i mondi di alcuni dei migliori produttori della scena contemporanea: da Night Skinny a Sine, passando per Parix, David Ice, Boss Doms e Luca Spanish. Un modo per svecchiare il suo suono, certo, ma anche per mettersi alla prova e uscire fuori dalla sua comfort zone.

Ne deriva una perfetta sintesi musicale dell'intero percorso artistico di Narcos, che dura ormai da oltre dieci anni. Il linguaggio è come al solito diretto e tagliente, a partire dalla prima traccia, "INRI", che è l'ideale biglietto da visita del disco: "Sembro un libro bianco tutto da riempire / sembra che ogni stronzo in questa merda non sa più che dire / mo che gira tutto sotto la stessa bandiera / e non più mods, punk, graffitari: siete tutti uguali". Il suono, invece, è incalzante e - soprattutto - vario: mischia sonorità rap, trap, elettroniche e melodie vocali.

Anche il parterre degli ospiti è coerente con la scelta di rispecchiare più o meno tutte le sfaccettature del rap italiano: dalla vecchia scuola (il featuring con Salmo in "Mic check") agli idoli della trap ("Casa mia" con Luchè e Capo Plaza, "Matanza" con Rkomi), passando per il cantautorap ("Sputapalline" con Coez, "Borotalco" con Carl Brave x Franco126).
Per i puristi, questo album potrebbe essere un modo per "rivalutare" le nuove leve del rap italiano. E per i seguaci della scena contemporanea, i più giovanissimi, potrebbe rappresentare un'occasione per conoscere meglio un vero maestro del rap - colpisce il profondo rispetto e il culto dei rappresentanti della "nuova" scena nei confronti di Narcos e della sua musica. 

"Oggi che conta più l'immagina che la sostanza, e che tutto è cambiato da quando ho iniziato, questo potrebbe essere per me l'ultimo disco. C'è tutto il mio passato, il mio presente e forse anche il mio futuro in questo gioco", ha scritto Noyz Narcos sui social presentando il nuovo album. Loyal to the game!

TRACKLIST

01. Inri - (02:15)
02. Sinnò Me Moro - (03:33)
03. Mic Check (feat. Salmo) - (03:37)
04. Casa Mia (feat. Luchè & Capo Plaza) - (02:42)
05. Sputapalline (feat. Coez) - (03:19)
06. Niente X Niente - (03:24)
07. R.I.P. (feat. Achille Lauro) - (04:47)
08. Vato Loco - (02:07)
09. Matanza (feat. Rkomi) - (03:08)
10. Borotalco (feat. Carl Brave x Franco 126) - (04:10)
11. Mark Renton - (02:48)
12. Lone Star - (03:19)
13. Enemy - (02:38)
14. Training Day - (03:33)
15. Lobo - (02:46)