«CELEBRITY SKIN - Hole» la recensione di Rockol

Hole - CELEBRITY SKIN - la recensione

Recensione del 16 set 1998

La recensione

"L’americano medio compra un disco all’anno, e non puoi essere troppo sofisticato per rivolgerti a un pubblico come quello". (Courtney Love)

Be’, non vi basta, come recensione? Cos’altro volete sapere? Com’è il disco? Il disco è il figlio di quella frase, e quindi non è un disco troppo sofisticato, anzi, è il disco perfetto per l’americano medio. Del resto, che Courtney Love insegua il successo di massa da una vita non è un mistero per nessuno: che il suo obiettivo (narcisista o meno) possa essere quello di rappresentare al meglio l’icona di una "alternative Madonna" non deve stupire più di tanto. E’ una questione di contraddizioni insite nel sistema: "Celebrity skin" canta disilluso di successo e dolore, di fama e prigione, di effetti distorti della celebrità per bocca di una che per il successo ha fatto e farebbe (quasi) di tutto. E allora? Allora niente, l’importante è sopravvivere e buttarsi dietro la schiena fardelli troppo pesanti da celebrare e ricordare ogni singolo giorno. "Celebrity skin" è figlio di quella normalità allucinata, in questo senso tipicamente americana, che tradotta in un nome e cognome risponde a Billy Corgan degli Smashing Pumpkins (che firma cinque canzoni, ma a giudicare dal suono del disco sembra aver speso più di qualche consiglio): è un album terribile e violento nei testi, ma ascoltandone le canzoni non lo diresti mai. L’ex-hardcore guitar band si è ora trasformata in un impasto perfetto tra Pumpkins, l’intenzione vocale di Chrissie Hynde e i suoi Pretenders, qualche rullata e progressione grunge (tenuta ben sullo sfondo) in stile Nirvana e un inquietante effetto Go Go’s (sì, proprio quelle di Belinda Carlisle, chi glielo avrebbe mai detto?!) nei cantati corali. Vi fa schifo il paragone? Anche a me, ma ascoltate "Malibu" e "Heaven tonight" e poi ne riparliamo. "Celebrity skin" è il titolo perfetto per un disco che del rock si vende soltanto la pelle, il perfetto equivalente di un’attrice hollywoodiana che vuole tutti i riflettori su di sé. E’ piacevole, pronto per essere consumato ovunque, pop-rock pret-a-porter dai testi avvelenati. "Give me a reason to be beautiful", canta Courtney nell’album, ma intanto sembra pensare solo alla beautiness delle classifiche.

Track list

  • Celebrity skin
  • Awful
  • Hit so hard
  • Malibu
  • Reasons to be beautiful
  • Dying
  • Use once & destroy
  • Northern star
  • Boys on the radio
  • Heaven tonight
  • Playing your song
  • Petals
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.