«EVERYTHING IS RECORDED - Richard Russell» la recensione di Rockol

“Everything is recorded” inno alla collaborazione musicale e umana.

Il capo della storica label indipendente XL Recordings diventa autore con questo progetto collaborativo dove ospita amici vecchi e nuovi tra cui Sampha, Ibeyi, Peter Gabriel, Damon Albarn e molti altri.

Recensione del 26 feb 2018 a cura di Michele Boroni

La recensione

Forse a molti lettori il nome Richard Russell non dirà molto. Probabilmente agli acquirenti di dischi la sigla XL Recordings, l'etichetta indipendente fondata da Russell nel 1989, dirà qualcosa di più. Sotto il marchio XL sono infatti passati i primi lavori di White Stripes, MIA, Prodigy, FKA Twigs, King Krule, un nome gigantesco come Adele, ma anche il ritorno sulle scene di autentici maestri della black music come Gil Scott-Heron e Bobby Womack.

Ecco, dietro tutto questo c'è Richard Russell, 47enne inglese innamorato dei beat e del soul, che dopo esser guarito da una patologia che lo aveva tenuto per alcuni giorni in ospedale, ha deciso di passare dall'altra parte, componendo, suonando e registrando un disco con un gruppo di artisti amici che gravitano nel mondo del r&b contemporaneo e dell'urban soul, ad oggi forse i generi più dinamici e interessanti della scena musicale. 
Il risultato è questo “Everything is recorded”, una collezione di eccellenti tracce che parlano di solitudine e solidarietà con una serie di artisti di gran valore.

Primo tra tutti Sampha, fresco di Mercury Prize, uno dei pochi che con la sua voce riesce a trasmettere dolore e speranza: qui è presente in quattro brani, dove riesce a confrontarsi splendidamente con Curtis Mayfield (nella bellissima “Close but not quit” che contiene il campione di “The Makings of You” del soul singer), mentre in “Show Love”  canta con Syd. Poi ci sono le gemelle Ibeyi, altra scoperta di Russell, che cantano una cover di Gil Scott Heron (“Cane”) e partecipano alla corale “Mountain of gold” con Sampha, il rapper Wiki e il sassofonista Kamasi Washington, una delle tracce più belle del disco. Qua e là anche altri amici che ogni venerdì passavano dallo studio di Russell (“Everything is recorded” non è solo il nome del progetto, ma un vero manifesto programmatico; sembra che ci sia ancora un centinaio di ore di materiale registrato..) da Damon Albarn al rapper Giggs (“Wet Looking Road”), Owen Pallett, il violinista Warren Ellis e perfino vecchie glorie come Peter Gabriel, Brian Eno e pure Green Gartside degli Scritti Politti (è commovente sentirlo cantare in “Bloodshot Red Eyes”). Russell programma i beat, suona il synth, chitarra e basso, tra cullanti melodie urban soul e suoni più afro-dub (“She said” con la voce di Obongjayar).

“Everything is recorded” è un disco sullo spirito di collaborazione non solo musicale, ma anche umano e spirituale: “Ama perdonare, guarire e riparare / Non lasciarmi mai / Sii mio amico" canta Infinite in “Be My Friend” per poi chiudere con le parole recitate dal pastore TD Jakes “È possibile essere soli e non vivere da soli. È possibile sentirsi soli e non lavorare da soli. Non sei solo nella battaglia. Non sei solo è la lotta”. Insomma, un disco che ha molto da dire.

TRACKLIST

01. Intro (01:44)
02. Close But Not Quite (03:25)
03. She Said (03:15)
04. Wet Looking Road (02:52)
05. Mountains of Gold (03:55)
06. Show Love (03:17)
07. Echoes in the Bone - Interlude (01:00)
08. Bloodshot Red Eyes (03:57)
09. Cane (03:33)
10. Purify - Interlude (01:35)
11. Be My Friend (04:19)
12. Everything Is Recorded (05:07)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.