«PLATEAUX EP - Plateaux» la recensione di Rockol

Plateaux: leggi qui la recensione dell'EP d'esordio.

“Plateaux” è l’omonimo EP d’esordio dei Plateaux, all’anagrafe Nicola Gospel Quaggia (voce solista e chitarra), Giacomo Fiocchi (batteria e voci), Gospel Quaggia (basso) e Lorenzo Basaglia (chitarra e voci).

Recensione del 26 ott 2017 a cura di Marco Jeannin

La recensione

“Plateaux” è l’omonimo EP d’esordio della band composta da Nicola Gospel Quaggia (voce solista, chitarra), Giacomo Fiocchi (batteria e voci), Gospel Quaggia (basso) e Lorenzo Basaglia (chitarra, Voci). Cinque pezzi che nascono dalla passione della band (e in particolare di Nicola, songwriter del gruppo) per l’America, quella del Rock maiuscolo che corre lungo i canyon per poi perdersi nelle immense pianure desertiche dell’Arizona. Spazi aperti dove chitarra, basso e batteria si intrecciano con un folk dai contorni necessariamente psichedelici, alla maniera dei maestri Byrds (“We go” e l’opening “Grand armata”) così come dei più recenti Fleet Foxes, con quel tocco (parliamo di arrangiamenti e suoni) che riporta il tutto ad un certo modo di fare più britannico. Colori e suoni in totale libertà dunque, concentrati nei cinque pezzi che il gruppo, attivo effettivamente da un annetto, ha messo in questo EP.

Un lavoro senza dubbio convincente che corre lungo i binari di un genere che non è mai del tutto tramontato e che ciclicamente riemerge con qualche chicca; basti pensare ai già citati Fleet Foxes (“Rising sun”) ma anche ai Tame Impala o agli Alt-J più recenti, giusto per spararne un altro paio. Sempre per definire meglio il raggio d’azione dei Plateaux, andando più indietro vanno citati necessariamente Crosby, Stills, Nash & Young, omaggiati nella bella “Pards and lovers (and friends), così come Buffalo Springfield e bellissima compagnia. “Smile” invece ha taglio nettamente più Stonesiano, alla “Let’s spend the night together”, e qui torniamo all’Inghilterra di cui sopra; posti diversi, stesso periodo di riferimento: gli anni Sessanta e Settanta, quando il cibo aveva un sapore diverso. Ecco, dischi come questo saranno derivativi quanto volete, ma se confezionati bene, ed è questo il caso, fanno fare un bel salto indietro nel tempo, anche a chi quel periodo non l’ha effettivamente vissuto.

Band interessante questi Plateaux.

TRACKLIST

01. Grand Armada (05:24)
02. Pards and Lovers (and Friends) (04:59)
03. Smile (03:36)
04. Rising Suns (04:27)
05. We Go (04:12)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.