«LEAVERS - Regarde» la recensione di Rockol

Regarde: leggi qui la recensione di "Leavers"

“Leavers” è il disco d’esordio della band emo shoegaze vicentina Regarde, al secolo Guido Dal Prà, Andrea Benazzato, Marco Casarotto e Andrea Campesato Segnini.

Recensione del 19 ott 2017 a cura di Marco Jeannin

La recensione

“Leavers” è un viaggio tra passato e presente lungo dieci tracce e fatto di cambiamenti, balzi in avanti e piccole cadute. 

I Regarde sono una band emo/shoegaze composta da Guido Dal Prà, Andrea Benazzato, Marco Casarotto e Andrea Campesato Segnini. Attivi dal 2013, due EP sulle spalle, nel 2016 entrano in studio a Boston con Jay Maas e Daniel Esteban Florez per registrare il loro primo album, “Leavers”. “Leavers” che nei fatti conta dieci pezzi in cui l’impasto shoegaze fondamentale (basso in bella vista, batteria e chitarra particolarmente anni Novanta) si fonde perfettamente con le linee vocali che invece riprendono il mondo più esplicitamente emo tanto caro alla band. Un mix che funziona molto bene: la cosa che di questo “Leavers” colpisce è la grande qualità generale dei pezzi che, senza voler andare a cercare a tutti costi la particolarità a tutti i costi, suonano compatti, ben costruiti, legati da un unico filo (stilistico e concettuale) e sempre molto fluidi; un risultato frutto del buon lavoro fatto sia in fase di scrittura ma soprattutto in studio, dove la band ha trovato la quadratura del proprio suono ricreando atmosfere che solo qualche anno fa erano così famigliari. Dilatare, schitarrare e lasciar correre il basso per raccontare una storia, interpretandola senza mezzi termini:

Alla fine del percorso la difficoltà più grande sarà tornare ad essere sé stessi dopo aver abbandonato tutto quello che si credeva essere fondamentale. I "Leavers" siamo noi ogni volta che ci scrolliamo di dosso il passato per ricominciare.

Il percorso in “Leavers” non è quindi una linea piana, quanto più un saliscendi emotivo guidato a colpi di riff in cui a momenti più dilatati in cui la chitarra prende il sopravvento, si alternano schegge affilate di puro emo d’annata, di quello a stelle e strisce (non a caso), con basso e batteria e supportare perennemente una linea vocale da considerarsi a tutti gli effetti come uno strumento aggiunto, perfettamente integrata nell’ingranaggio. Poi va detto che non è da tutti andare negli Stati Uniti per registrare un disco (di e) del genere: i ragazzi evidentemente avevano già in partenza le idee molto chiare su quello che volevano e, soprattutto, su come lo volevano. Missione direi compiuta: “Leavers” è un bel viaggio, un disco a tratti duro, spesso agrodolce, disilluso all’occorrenza e sincero sempre, che suona esattamente come dovrebbe. Ascoltare la doppietta centrale “Relieve/define” / “Regrets” e la conclusiva “Blurred boy” per credere.

TRACKLIST

01. Never Said (03:53)
02. Closer (03:15)
03. Last Summer (02:18)
04. Patterns (04:12)
05. Quiet and Keen (04:25)
06. Relieve / Define (02:35)
07. Regrets (02:52)
08. Midwest (03:03)
09. Never Shared (03:47)
10. Blurred Boy (04:02)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.