«RAISED UNDER GREY SKIES - JP Cooper» la recensione di Rockol

JP Cooper - RAISED UNDER GREY SKIES - la recensione

Recensione del 11 ott 2017 a cura di Erica Manniello

La recensione

JP Cooper ci ha messo un po’ a completare un album: il suo primo contratto discografico lo ha firmato tre anni e mezzo fa. Cinque Ep e parecchi singoli dopo, ascoltando “Raised Under Grey Skies”, possiamo dire che l’attesa è stata ampiamente ripagata.


Il 33enne cantautore dagli occhi blu arriva da Manchester: già questa era una buona premessa. Sulla città che ha dato i natali a Joy Division, Smiths e Oasis è normale che le aspettative siano alte. Cooper è cresciuto qui negli anni ’90, nel pieno dell’esplosione del Britpop, dividendosi tra gruppi rock e cori gospel. Ha tentato e ritentato di portare gli spiritual nelle diverse band che lo vedevano coinvolto, ma non ha funzionato. Così, ci ha provato da solo e a quel punto sì: Cooper è venuto fuori dal mucchio, con uno stile che riesce finalmente a rendere onore al suo passato nel Manchester Sing Out Choir.

Certo, a volte nel mezzo di “Raised Under Grey Skies” sembra proprio di stare a una messa gospel, tra i vocalismi dei cori che fasciano la voce calda di Cooper, i battiti di mani e l’indugiare a lungo sulle vocali, dondolandole tra le note più alte e quelle più basse. Non è tutto qui, però, perché tra i primi dischi consumati dal giovane britannico ci sono Michael Jackson e Stevie Wonder, che spiegano canzoni come l’ancheggiante “She’s on my mind”, uno dei singoli estratti dall’album.

Alcuni lo accostano al conterraneo Ed Sheeran, ma Cooper viaggia molto di più verso i lidi r’n’b. Non solo: a volte, e solamente a volte, la sua voce sembra quasi arrivare dalla Giamaica. Ha pure i dreadlocks che gli scappano dal cappellino. La filosofia One Love attraversa anche parecchi testi, fitti di riferimenti a quelle luci che ci guidano nella notte e a quell’amore che ci lega e tutto sconfigge. Tra i singoli che Cooper ha scelto di sganciare dal disco, “September Song” e “Passport Home” sono i più azzeccati, con bei crescendo che conducono tra le sfumature della sua intonazione.

Un allenatore forse direbbe a Cooper che ha investito un po’ troppe energie nel riscaldamento. Sperando, invece, che di vigore il ragazzo ne abbia ancora parecchio, ci godiamo i suoi cieli grigi attuali con il fiato sospeso per quello che verrà dopo.

 

TRACKLIST

02. September Song (03:40)
03. Good Friend (02:56)
04. All This Love (03:13)
05. The Only Reason (03:39)
06. Passport Home (03:00)
07. She's On My Mind (02:57)
08. Wait (03:51)
09. Change (03:48)
10. Closer (03:03)
12. In The Silence (03:19)
13. Momma's Prayers (05:05)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.