«UNDER COVER - Motorhead» la recensione di Rockol

Cover postume per i Motorhead...

Un album che raccoglie una serie di cover di Lemmy e i suoi. Con una bella sorpresa in salsa Bowie

Recensione del 01 set 2017 a cura di Andrea Valentini

La recensione

“Nothing left alive, but a pair of glassy eyes” cantava Iggy in una delle ballad più feroci degli Stooges (“Gimme Danger”). Ed è un po’ la medesima sensazione che abbiamo provato tutti noi, amanti del rock più sanguigno, alla notizia della morte di Lemmy. Occhi vitrei e feeling di assenza di vita. A Motörhead ovviamente sciolti, quindi, vedere un nuovo disco con il loro nome impresso è al contempo bello e triste… bello perché la leggenda continua, triste perché sappiamo che ormai si tratterà solo più di materiale d’archivio, ristampe e/o raschiature più o meno succose di fondo di barile.

Un album di sole cover come questo potrebbe far pensare, appunto, alla raschiatura del suddetto fondo, ma fortunatamente il risultato finale è degno del nome della band e della fama di Lemmy. Certo è un disco “for fun” – per quanto non sia molto fun il background appena descritto, cioè Lemmy non c’è più e nemmeno la sua band – e come tale va preso: questi sono i Motörhead che, come hanno sempre fatto, si divertono a incidere pezzi di altri, stritolandoli a modo loro e bombardandoli con la potenza di fuoco del sound detonante che li ha sempre contraddistinti.

La selezione – che è  comunque ristretta: Lemmy e i suoi hanno inciso diversi altri brani altrui nella loro carriera, a partire dalla devastante “Leaving Here” dei Birds nel 1977, purtroppo lasciata fuori da questa uscita – è piuttosto variegata, anche se il raggio d’azione, fatti salvi tre soli episodi, resta quello dell’ambito metal, hard rock e punk.

È così che possiamo ascoltare rivisitazioni di classici dei colleghi Judas Priest (una “Breaking The Law” che, piazzata in apertura di disco, non convince al 100%...), Ozzy Osbourne (“Hellraiser”), Metallica (Lemmy e soci rendono ancora più devastante il classicone “Whiplash”, customizzandolo a dovere) e Rainbow, fra gli altri.

Sul versante punk, la band conferma il proprio amore per i finti fratellini newyorchesi Ramones, proponendo una “Rockaway Beach” quasi fedele all’originale, non fosse per la voce di Lemmy così diversa da quella di Joey; e poi una scontata, ma potente, “Anarchy In The UK”, dei padrini del punk made in England Sex Pistols, piuttosto filologica anche questa.

A livello di sonorità “fuori genere”, invece, i Motörhead giocano sul sicuro con ben due pezzi dei Rollins Stones, due megaclassici come “Jumping Jack Flash” e “Sympathy For The Devil”, rese onestamente, ma senza veri picchi di interesse… sono più curiosità che altro, compitini ben eseguiti. E poi piazzano il vero colpo di classe, che arriva, invece, con una inaspettata “Heroes” del Duca Bianco, che nelle mani della band diviene monolitica e suggestiva al tempo stesso: capace di evocare le atmosfere berlinesi di Bowie, ma con una rabbia e un’energia aliene alla versione che tutti conosciamo. Se vogliamo, questa canzone vale l’intero album, che – come già detto – è comunque buono e divertente.

Unico dubbio: se i Motörhead esistessero ancora e Lemmy fosse fra noi, sarebbe uscito ugualmente? Propenderei per un sonoro “no”, ma tant’è.

TRACKLIST

01. Breaking The Law (02:33)
02. God Save The Queen (03:19)
03. Heroes (04:36)
04. Starstruck (04:06)
05. Cat Scratch Fever (03:54)
06. Jumpin' Jack Flash (03:19)
07. Sympathy For The Devil (05:35)
08. Hellraiser (04:32)
09. Rockaway Beach (02:16)
10. Shoot 'Em Down (03:53)
11. Whiplash (03:49)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.