«AT SWIM - Lisa Hannigan» la recensione di Rockol

Lisa Hannigan - AT SWIM - la recensione

Recensione del 01 set 2016 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Bella parabola, quella di Lisa Hannigan, da defilata musa/spalla di Damien Rice, ad uno spazio sempre maggiore, a cantautrice con un'identità unica e ben definita. "At swim" è il suo terzo disco, il secondo dopo la seprazione - traumatica, a quanto pare, ma più per Rice che per lei, che da ha mantenuto una traiettoria discografica irregolare. Lisa ormai è Lisa, non "la ex-di-Damien", anche se questo disco arriva a 5 anni da "Passenger": in mezzo collaborazioni, tour, persino una mezza hit improbabile con "What I'll do", e quindi il nuovo lavoro, di nuovo con un grande produttore. Dopo Joe Henry, è la volta di Aaron Dressner dei National.

Il risultato è un disco particolare, vecchio stile se vogliamo. Uno di quei lavori che richiedono tempo e tanti ascolti, per essere apprezzati. E che poi, ad un certo punto, si aprono e ti svelano un mondo.

Più passa il tempo, e più Lisa si rivela una scrittrice capace, originale, intensa. Capace di passare da canzoni quasi eteree come "Prayer for the dying"  e "Ora" ad altre dalla struttura più classica, come "Fall" e "Snow", a brani più irregolari come "Lo" e "Undertow". Il contributo di Dressner si sente nella pulizia dei suoni, negli arrangiamenti, anch'essi spesso eterei, puliti.

E' un album in bianco e nero, come la copertina: minimale, e come lo sguardo della Hannigan, un po' ti sfida all'ascolto, un po' fa la seducente, pur con vestito casto e vecchio stile. Un lavoro perfetto per le sere autunnali che ci aspettano a breve.

 

 

TRACKLIST

01. Fall (02:59)
03. Snow (03:38)
04. Lo (03:54)
05. Undertow (03:24)
06. Ora (02:49)
07. We, The Drowned (03:59)
08. Anahorish (01:50)
09. Tender (03:57)
10. Funeral Suit (04:00)
11. Barton (04:26)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.