«AS THE WORLD ROTS AWAY - Blackwood» la recensione di Rockol

Blackwood - AS THE WORLD ROTS AWAY - la recensione

Recensione del 18 mag 2016 a cura di Andrea Valentini

La recensione

Sigillum S, Ashes, Helix, SOMMA, E.O.E., SIMM, Charged, Blackwood ... qual è il denominatore comune di questi progetti, che spaziano in tutti i territori vastissimi della sperimentazione? La risposta è un nome: Eraldo Bernocchi (milanese, ma soprattutto musicista, remixer, sperimentatore poliedrico, produttore...) classe 1963. E Blackwood è il nome della sua ultima creatura – ultima solo in ordine di tempo – che esordisce per Subsound con l’album “As the world rots away” (un titolo piuttosto evocativo delle atmosfere e del mood).
Chi conosce e apprezza le gesta musicali di Bernocchi già si sarà procurato l’album, ma il bello è che non si tratta di un lavoro per iniziati: Blackwood, infatti, è un progetto dal profilo – oltre che internazionalissimo – molto elevato e di interesse sicuro per amanti dell’elettronica e del dub più oscuri, uniti a sonorità e atmosfere doom da manuale. “As the world rots away”, insomma, è un giro panoramico nell’Ade, con i suoi scorci infernali e il campionario di disperazione, sofferenza e angoscia che fa parte del pacchetto.

Claustrofobia, apnea, paranoia, sensazione di disastro imminente... le sonorità di questo album sono una pressa per l’anima – oltre che per le orecchie. Il calderone nero in cui bollono doom e dub è dunque il contenitore di una pietanza per chi non sa rinunciare alle emozioni fortissime, ma non di facile fruizione: lo chef luciferino Bernocchi non è, infatti, autore di musica “facile”, e proprio per questo la sua proposta risulta ancora più fascinosa.
“As the world rots away” condensa chitarre violentissime e sfigurate dal fuzz, linee di basso che annodano le budella, voci demoniache, beat inarrestabili e marziali, con l’aggiunta di campionamenti di frasi e suoni tratti da formule di “oscure tradizioni esoteriche”, come si legge nel comunicato ufficiale.
Doom e dub, nonostante tutto, si sposano alla perfezione. Ma occhio ai segni che lasceranno nella vostra psiche... questa è roba davvero da maneggiare con cura.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.