«THE PINK PRINT - Nicki Minaj» la recensione di Rockol

Nicki Minaj - THE PINK PRINT - la recensione

Recensione del 17 dic 2014 a cura di Pop Topoi

La recensione

L'album precedente di Nicki Minaj, "Pink Friday: Roman reloaded", era diviso in modo abbastanza netto in due metà: una fatta di pezzi in cui l'artista si lanciava in lunghe e deliranti sequenze rappate esibendo tutti suoi famosi alter-ego, spesso senza nemmeno accennare ritornelli; una costituita da brani dance che sembravano venire da Ibiza e che, commercialmente, le sono serviti per imporsi come un grosso nome internazionale. Con "The pinkprint", Minaj doveva decidere quale genere far prevalere, ma col super-singolo estivo "Anaconda" non aveva preso una posizione chiara: era sì sfacciato, divertente e ballabile quanto "Starships", ma era anche credibile come disco hip-hop grazie al campionamento di Sir Mix-a-Lot e al messaggio contenuto. Spin l'ha definita "più di una canzone: un movimento culturale" – e che fosse una scusa per fare un video provocante o una rivoluzionaria campagna femminista, di certo se n'è parlato. Tuttavia, "Anaconda" è un'eccezione all'interno di un album che mostra una Minaj nuova, e tra il rap abrasivo e l'EDM per le masse, ha scelto una terza via.




La prima cosa che colpisce ascoltando gran parte di "The pinkprint" è il tono serio e intimista, e la sconvolgente apertura di "All things go", in cui Minaj parla di tragedie famigliari e allude a un aborto, ne è il manifesto. I brani sono perlopiù lenti e sofferti, talvolta vere e proprie ballate che documentano una rottura sentimentale che è miracolosamente riuscita a tenere privata. Minaj, a contrario di molti rapper, non ha bisogno di alcun aiuto nelle parti cantate ("I lied", "Grand piano" e soprattutto la splendida "Pills n potions"), ma a volte cede al classico formato strofa rap + ritornello di un vocalist. Non funziona con Skylar Grey nella scontata "Bed of lies" (potrebbe essere una versione meno efficace di un pezzo di Eminem e Rihanna), mentre "The crying game", in cui un'inedita Jessie Ware si trova a sussurrare su un loop di chitarre elettriche, è un duetto perfetto: intenso ma misurato. Non si può invece parlare di misura nelle collaborazioni con Beyoncé ("Feeling myself") e Ariana Grande ("Get on your knees"). Nessuno dei due brani, malgrado i nomi coinvolti, suona come un singolo: il primo è la continuazione ideale di "***Flawless" remix ed è un esperimento altrettanto astratto, esagerato e spassoso; il secondo non è sensuale quanto vorrebbero farci credere i miagolii di Ariana Grande (Ariana, dà retta a Bette Midler, il gattamortismo non ti dona) e forse sarebbe stato più adatto per l'album della cantante che quello della rapper.
E poi arriva "Only", collaborazione con Drake e Lil Wayne mirata a far tacere i pettegolezzi secondo i quali Minaj sarebbe arrivata al successo solo grazie al sesso con membri del suo entourage. È una battaglia scandita dagli interventi di Chris Brown, e sebbene molti ci leggano la volgare oggettificazione della Minaj, è invece una chiara dimostrazione del suo potere – di una rapper che si mette sullo stesso piano dei colleghi maschi e li distrugge senza fatica con due rime. "Only" è l'esempio più lampante, ma gran parte di "The pinkprint" ci mette di fronte a un'artista non solo più abile, ma anche più profonda e sfaccettata di quanto si potesse credere. È un disco complesso e maturo, forse danneggiato solo dall'eccessiva lunghezza, ma quando fa centro, non ce n'è per nessuno.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.