«TO BE KIND - Swans» la recensione di Rockol

Swans - TO BE KIND - la recensione

Recensione del 05 mag 2014 a cura di Andrea Valentini

La recensione

Per favore, un attimo di silenzio. Non è il caso di inventarsi motivi e occasioni per strepitare, giocare alle galline da talk show pomeridiano e sparacchiare, perlopiù a caso, su un lavoro come questo. Ossia il tredicesimo album studio degli Swans, gente che non si è mai fatta mancare (e mai ci ha fatto mancare) nulla a livello di sperimentazione nelle terre perigliose del rock rumoroso.

Silenzio, dicevamo, perché questa è la reazione più seria, intelligente e corretta di fronte a questo “To be kind”. Un disco che, a fronte di un’attività iniziata nel lontano 1982, restituisce una band ancora pienamente sul pezzo e capace di dare una fortissima dignità (che spesso si è persa ed è stato bypassata) a un genere che ormai sembra appartenere al reame del vintage: il rock estremo sperimentale, o – se vogliamo – noise rock.

Questo album è, per certi versi, uno dei veri capolavori del 2014 – e quando scrivo “capolavori” intendo opere di spessore, che hanno tutti i numeri per essere ricordate nelle discografie fondamentali di una band, anche nel più infimo e superficiale sito che faccia aggregazione di dati. Già, perché questo disco è davvero forgiato con la materia della leggenda, nonostante tutto. E il segreto è – paradossalmente – un’evoluzione che ha portato gli Swans a muoversi (maturare?) da una dimensione rock caotica ed estremamente sperimentale verso un rock oscuro, ammaliatore, psicotropo e coinvolgente... materia che deriva dallo stesso giacimento dimenticato e pericoloso da cui hanno attinto gruppetti come Doors e Stooges – soprattutto per le loro composizioni più lunghe e ipnotiche, quelle più impegnative... ma anche più speciali e peculiari.

Il terzo lavoro dopo il ritorno degli Swans (che si sono riformati nel 2010 dopo 13 anni di vuoto), dunque, vede il gruppo alle prese con una ricerca ed esplorazione di territori di sicuro meno canonicamente sperimentali e bizzarri (almeno secondo gli stilemi più tipici del rock e dei suoi sottogeneri), ma senza dubbio stimolanti. Soprattutto quando un autore/musicista come Michael Gira è coinvolto. Perché la convenzionalità e il consueto, per lui, sono concetti poco praticabili... e anche quando sembra ammorbidirsi o avvicinarsi a schemi tradizionali, in realtà non fa compromessi. Con nulla e nessuno.
Non ci credete? Be’, iniziate a riflettere sul fatto che questo disco, in realtà, è un triplo LP in vinile (o un doppio cd). Già: stiamo parlando di 120 minuti abbondanti (120’ e 32’’, per la precisione) di rock... vi sembra una cosa di semplice digestione? Nossignori. Non lo è. Almeno per gli standard del music biz.
Ciò, in pratica, significa che in “To be kind” – che consta di 10 brani – ci sono tracce che possono arrivare oltre i 30 minuti di durata (come l’epica “Bring the sun/toussaint l'ouverture”, coi suoi 34 minuti abbondanti). Con una media che si aggira intorno ai 10 minuti per canzone.
Dimensioni inconsuete nel rock del ventunesimo secolo, per quanto sperimentale... eppure queste composizioni sciamaniche (tanto per tornare a un immaginario doorsiano) catturano, prendono e sono in grado di intrattenere senza annoiare. A dispetto della prosaica misurazione in minuti e secondi.

"To be kind" è un disco intenso, denso. Una vera esperienza... e non necessariamente piacevole, come i migliori album di tutti i tempi insegnano. Anzi: le sensazioni tirate in ballo ed evocate sono spesso dure, difficili da affrontare, pesanti. E quello che stupisce è come l’obiettivo sia centrato con precisione, ma senza ricorrere a facili trucchi sonici: i brani spesso si addentrano in territori vicini al folk stralunato e al blues oppiaceo, ma non per questo risultano meno di impatto. Anzi: sono molto più cattivi e spaventosi di ciò che ci propongono alcune black metal band che "ci provano" spasmodicamente, riuscendo solo a raggiungere il parossismo.
Insomma... Michael Gira ha da poco superato i 60 anni, ma ha ancora, indubbiamente, un’energia e una rabbia che pochi possono eguagliare. E scusate se è poco.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.