«AFTERSHOCK - Motorhead» la recensione di Rockol

Motorhead - AFTERSHOCK - la recensione

Recensione del 21 ott 2013 a cura di Andrea Valentini

La recensione

“Ne resterà soltanto uno” era il mantra degli immortali protagonisti del film (prima) e della serie (poi) “Highlander”. E Lemmy, nel mondo del rock, è senza alcun dubbio della stessa pasta di Connor MacLeod – Christopher Lambert nel film – ossia un essere il cui fisico sembra forgiato da un’entità sovrannaturale e per questo capace di resistere allo scorrere del tempo, nonostante vizi, stravizi e stile di vita decadente.
Tutto questo è stato il Vangelo almeno fino all’inizio dell’estate appena trascorsa; poi è arrivato un reality check di quelli tosti: Lemmy era stato male, aveva subito un intervento al cuore... brutta storia, ma poi tutto pareva superato. E invece dopo una brutta botta ha sviluppato un ematoma che non si assorbiva e la sua salute decisamente non eccellente lo ha costretto ad annullare addirittura un tour europeo (o gran parte di esso). I Motörheadbanger di tutto il mondo sono rimasti col fiato sospeso per settimane, anche per la scarsità di notizie e aggiornamenti, ma ora sembra tutto risolto e con l’arrivo di questo nuovo album nei negozi si tira un mezzo sospiro di sollievo.
Lemmy c’è. Punto. E non sembra minimamente intenzionato a gettare la spugna. Ri-punto. Il rock’n’roll, con i suoi 50 anni di Jack Daniel’s, coca cola, decibel, groupies, anfetamina e Marlboro rosse ha tentato di farlo fuori... e ha fallito miseramente.

Finiti i doverosi preamboli, passiamo al disco – il ventunesimo in studio della carriera dei Motörhead, che arriva a tre anni dal predecessore con 14 brani nuovi di zecca. Il marchio di fabbrica c’è, è sempre quello... e già è sufficiente, per i fan più duri e puri, a considerare quest’uscita imperdibile. Lemmy è uno che non tradisce, ma soprattutto uno che non va tradito: una volta che sei dalla sua parte, ci rimani per tutta la vita.




Inutile ricordare che i Motörhead da una ventina d’anni a questa parte hanno avuto un’evoluzione – per quanto organica e senza stravolgimenti – orientata progressivamente verso il metal, abbandonando sempre più le proprie radici hard/speed/punk (alla fine il punk lo hanno inventato un po’ anche loro, lo sappiamo). Dunque questo “Aftershock” riflette il percorso di cui sopra: è un disco più metal che altro, ma nonostante questo è Motörhead al 100%. Perché in fondo, come gli chef più hardcore insegnano, puoi cambiare un po’ spezie e condimenti, ma se la materia prima resta invariata e di ottima qualità, il risultato sarà sempre più che gradevole al palato. A dispetto dei dettagli di contorno.
A confermare che Lemmy ha ancora sangue, energie e rabbia, poi, ci sono episodi come “End of time”: un vero locomotore deragliante, lanciato a 300 all’ora, che spiana ogni cosa si trovi sul suo cammino. Puro Motör-sound, autocitazionista finché si vuole, ma rassicurante ed esaltante.
E che dire della hard blues ballad “Dust and glass”, con echi australiani stile primi AC/DC e un Lemmy farfugliante e soave, da pelle d’oca? Il mestiere c’è ancora, non si scappa.

Quindi, sia chiaro: “Aftershock” non è un nuovo “Ace of spades”, un secondo “Iron fist” ed è leggermente inferiore a quell’uppercut inaspettato che era il precedente “The wörld is yours”. Eppure costituisce una naturale continuazione di un discorso, fedele allo spirito della premiata ditta Motörhead nonostante un frontman che sfiora i 70 anni di età e la difficoltà di mantenere viva e guizzante una vena creativa che fluisce ininterrottamente da quasi 50 anni. Nell’economia di 14 brani, dunque, non c’è da stupirsi se si trovano un paio di riempitivi lievemente meno solidi, ma fa parte del gioco. Del resto la faccenda del “all killer, no filler” per pompare gli album è sempre stata una mezza favoletta, per cui... basta prenderne atto. A patto che si prenda atto anche di ciò che Lemmy e i suoi sono ancora in grado di fare, a dispetto di tutto. Che non è affatto poco.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.