«IRON MAN 2 - AC/DC» la recensione di Rockol

AC/DC - IRON MAN 2 - la recensione

Recensione del 22 apr 2010 a cura di Giampiero Di Carlo

La recensione

IRON MAN 2 è due blockbuster in uno. Racchiude un classico ambulante della musica, gli AC/DC, che ha dimostrato la sua ‘evergreeness’ solo un anno fa tornando con il funambolico e milionario BLACK ICE e con un tour mondiale tuttora in corso che ha annesso sconfinate legioni di nuovi giovanissimi fans; ed un sequel imminente e rumoroso come il secondo episodio cinematografico tratto dalla saga Marvel Comics, diretto da Jon Favreau e trainato dalla superstar Robert Downey Jr. e da un cast che include Gwyneth Paltrow, Samuel L. Jackson, Mickey Rourke, Scarlett Johansson e Sam Rockwell.
Film e album realizzano anche la liaison tra due icone, quasi due loghi: il supereroe del fumetto, evaso dalle strisce e ingigantito dal grande schermo e il guitar hero in carne ossa, Angus Young, che tanta iconografia ha ispirato e a 60 anni riesce ancora a sfidare qualche legge della fisica e il comune senso del pudore sul palco, oltre che molti colleghi.
Il ‘pacchetto’ è, infine, un logico mix ispirato dal ‘ferro’, saldato nel metallo: era quasi consequenziale che, dopo una prima colonna sonora già hard rock, il seguito potesse essere sublimato solo con una scelta clamorosa.
Se invece vogliamo parlare di musica, IRON MAN 2 è un gratest hits, con tutte le prerogative del caso: mentre non regala alcuna novità ai fans che già conoscono a memoria i venti album che i fratelli Young hanno confezionato in quarant’anni di carriera (sì: non ci sono inediti), è una ghiotta raccolta per i ‘simpatizzanti’, per i meno attempati, per gli ‘occasionali’. Ergo, ai primi restano da fare due cose: constatare la bontà dell’accostamento dei brani alle scene del film e dedicarsi all’inevitabile feticismo; ai secondi, invece, sarà permesso scavare tra le gemme e vagare tra i decenni, provare curiosità, scovare agganci e ricorrenze.
Però c’è qualcosa che IRON MAN 2 propone indistintamente a tutti: il dualismo tra i due cantanti del gruppo. L’essenza della compilation sta nell’alternanza tra alcuni dei migliori e sottovalutati episodi con protagonista Bon Scott (scomparso nel 1980 a 33 anni alla vigilia del capolavoro BACK IN BLACK) e il granitico e contemporaneo Brian Johnson, tanto robusto da sopportare confronti e popolarità. Se a quest’ultimo spetta l’apertura con “Shoot to thrill”, che è anche il primo video dell’album nella versione live (Buenos Aires, “Black Ice Tour”, 2009), al suo predecessore è dedicata la chiusura con “Highway to hell”. In mezzo, Scott si ripropone come l’“originale” di altri classici assoluti (“T.N.T.” e “Let there be rock”) e si fa apprezzare soprattutto nelle meno celebrate “Rock’n’roll damnation”, superba, datata 1978 (POWERAGE), e “Cold hearted man”; di Johnson, che imperversa con “Back in black” e “Thunderstruck”, la band ha recuperato anche “The razors edge”, brano ‘gregario’ di assoluto livello.
Per gli AC/DC la colonna sonora non è una novità assoluta: nel 1986 avevano firmato WHO MADE WHO, commento a “Maximum overdrive” (in Italia “Brivido”), esordio-flop alla regia di Stephen King. In quella occasione l’album conteneva, oltre ai pezzi scelti da King, anche tre inediti: il singolo "Who made who" e le strumentali "D.T." e "Chase the ace". Stavolta la sensazione è che al botteghino possa andare molto meglio per tutti e, in mancanza di pezzi nuovi, l’attrattiva sarà funzione del collezionismo. L'album, che contiene 15 brani, è infatti commercializzato in una varietà di versioni, dal singolo CD al CD/DVD, dal vinile alle varie Deluxe Edition, e la confezione “AC/DC: Iron Man 2 Collector’s Edition” contiene una ristampa esclusiva e a tiratura limitata del primo numero di “The Invincible Iron Man” del 1968 ed una copertina alternativa raffigurante gli AC/DC… Per i possessori della versione base, invece, si raccomanda la lettura del booklet firmato da David Fricke, ovvero come trasformare una breve biografia in un saggio rock, o viceversa.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.