«THINGS FALL APART - Roots» la recensione di Rockol

Roots - THINGS FALL APART - la recensione

Recensione del 03 mag 1999

La recensione

Tornano i Roots, torna l'hip hop quello vero, suonato e sudato agli angoli delle strade di Philadelphia, dove il gruppo si è esibito per molti anni prima di ottenere un vero contratto discografico. A qualche anno di distanza dal grande exploit discografico e commerciale di DO YOU WANT MORE?!!??, la fortuna del gruppo è declinata leggermente, ma forse ancora di più è cambiata la scena. I neri tornano ad essere la minoranza di una musica che all'inizio era nata per loro e se è vero che anni fa ad un concerto dei RUN DMC c'erano solo neri e poliziotti, adesso gran parte di questo movimento musicale è ad uso e consumo di ragazzini bianchi che sono dei b-boys wannabies. Peccato, perché l'integrità dei Roots non si discute, come mette in mostra egregiamente questo album, che ci ripropone lo stile magico di un rapper come Black Thought accanto ad una musica che coniuga abilmente soul, jazz e funk nelle maglie capienti e ipnotiche del migliore hip hop. Per andare in classifica tutto il bello di questo disco potrebbe però non bastare e allora ecco il gruppo correre ai ripari tirando fuori un singoletto come "You got me" cantato insieme a 'princess' Erykah Badu, come dire la voce giusta al momento giusto. Se il precedente album, unanimemente considerato il loro migliore, non aveva riscosso fortune commerciali degne di nota, assai meglio promette di fare THINGS FALL APART, pervaso com'è di grande musica e di grandi testi: Chissà perché negli States alla fine rimangano indietro proprio i migliori, i più intelligenti osservatori del potere, come Roots e Michael Franti: fatto sta che con questo album i primi tentano di dare un colpo di reni alla propria postura lievemente curva per rimettersi in piedi. Gli auguri affinché ce la facciano sono sinceri, come sempre nei confronti di quanti - con onestà e passione- fanno del proprio meglio per far vivere l'hip hop e non tradirne i significati originari.

TRACKLIST

01. Act won (thing fall apart)
02. Table of contents (parts 1 & 2)
03. The next movement
04. Step into the relm
05. The spark
06. Dynamite!
07. Without a doubt
08. Ain't sayin' nothin' new
09. Double trouble
10. Act too (the love of my life)
11. 100% dundee
12. Diedre vs. dice
13. Adrenaline!
14. 3rd acts: ? vs. scratch 2… electric boogaloo
15. You got me (featuring Erykah Badu)
16. Don't see us
17. The return of innocence lost
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.