«UNTITLED - R Kelly» la recensione di Rockol

R Kelly - UNTITLED - la recensione

Recensione del 24 dic 2009 a cura di Alessandra Zacchino

La recensione

L’autoproclamato “re del r&b” è tornato con il suo decimo album. Per nulla intaccato già all’epoca dalle accuse di pornografia minorile, è ovvio che dopo l’assoluzione completa, R-Kelly non cambi minimamente il suo ormai collaudato approccio carnale alle canzoni. La sua ossessione sessuale e il suo abituale sfoggio di prodezze in camera da letto, in “Untitled” vengono illustrate senza tanti fronzoli, ma con una schiettezza e talvolta una prevedibilità che fanno persino sorridere. Chi segue R. Kelly da 18 anni a questa parte, sa bene cosa aspettarsi e non si attende certo miracoli. Chi lo preferisce alle prese con le sue bollenti ballate, troverà soddisfazione in questo nuovo album. Ma “Untitled” non è solo questo. R. Kelly già in passato si è misurato con episodi più uptempo che, pur non essendo la sua specialità, gli hanno permesso di non essere etichettato solo come l’artista la cui musica serve per fare i bambini. In questo disco, l’artista ripropone il fortunato “stepping” nella canzone “Be my #2”, con il suo irresistibile groove di funk vecchia scuola e strizza l’occhio all’attuale tendenza dance in “I love the dj” (produzione Soulshock & Karlin) che, francamente, suona un po’ fuori posto. Il veterano cantante di Chicago, è perfettamente in linea con la sua personalità artistica e bisogna dargli atto che, pur sotto l’ombra del sospetto per gravi reati per alcuni anni, non ha usato le canzoni del primo album post-assoluzione per vendicarsi dei suoi detrattori o per recitare la parte della vittima. R. Kelly ha mantenuto intatta la sua missione: cantare di sesso…sesso e ancora sesso! Così, si passa dalle esplicite già dai titoli “Bangin’ the headboard” e “Go low”, a momenti di raccoglimento religioso in “Religious”, passando per l’azzeccato duetto con Keri Hilson nel singolo “Number one”, la sorprendentemente gradevole “Echo” con Kelly alle prese con lo yodel e il gran finale con una allstar che inneggia alla virilità e al testosterone che comprende Tyrese, Robin Thicke e The Dream in “Pregnant”.
“Untitled” è esattamente il disco che ci aspetta da lui e non ha l’ambizione d’inventarsi qualcosa di rivoluzionario, piuttosto intende sottolineare che, nonostante il panorama discografico sia sempre più popolato da giovani balladeer, R. Kelly, dall’alto della sua ventennale esperienza, è davvero il re della musica r&b.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.