«L'ALDIQUA' - Samuele Bersani» la recensione di Rockol

Samuele Bersani - L'ALDIQUA' - la recensione

Recensione del 07 giu 2006 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Il titolo la dice lunga: “L’aldiqua”, ovvero una realtà che sembra distante, e invece è qua, sotto i nostri occhi, e non sappiamo guardarla. Ogni tanto la musica ci offre uno sguardo diverso; più spesso si tratta di un punto di vista senza mezzi termini: epico e/o rabbioso e/o politico oppure, all’opposto, totalmente divertente, intrattenitore. In fin dei conti la cara, vecchia distinzione tra rock e pop nasce proprio su questa diversità di sguardi verso il mondo: la trasgressione vs. l’entertainment.
Sono pochi, soprattutto in Italia, gli artisti che sanno andare oltre a questi steccati, che ti sanno raccontare quello che gira intorno con un sorriso, senza edulcorare nulla, senza ritornelli consolatori ma anche senza predicozzi. Samuele Bersani è uno di questi. Prendete “Lo scrutatore non votante”, la “instant song” che il cantautore romagnolo ha messo in rete lo scorso febbraio, mentre questo suo sesto disco “L’aldiqua” era ancora in lavorazione. Racconta la storia di tutti noi, di chi scruta e non vota, di chi tiene la casa in ordine ma non ospita nessuno, di chi prepara un viaggio senza partire, di chi va in Chiesa per dissentire dalla predica, e via contraddicendosi. La musica della canzone non è rock, certamente. Le canzoni di Bersani non lo sono mai state, e questo nuovo disco (che, dice Samuele, è stato scritto a partire proprio dalle musiche) non fa eccezione. Ha una cura dei suoni e una struttura musicale che si rifà più alla scuola dei cantautori. Anche i temi della canzone sembrano arrivare da quella scuola, appunto. Eppure, dopo un attimo ti ritrovi a cantare la melodia, come nel pop più divertente. E poi ti accorgi che stai canticchiando una storia tutt’altro che divertente, a ben vedere. E questo accade anche in altre canzoni, che hanno temi ancora più impegnativi, trattati in maniera ancora più dolce o ironica. Come il capolavoro del disco, “Occhiali rotti”, dedicata alla memoria del giornalista italiano Enzo Baldoni, ammazzato in Iraq: una storia tristissima, raccontata con una delicatezza e con un affetto difficili da tradurre in altre parole che non siano quelle della canzone.
Samuele dice che questo disco è meno cupo del precedente “Caramella smog”. Forse è vero, anche se a giudicare dai temi delle canzoni (si pensi anche al tema del lavoro fantasma di “Sicuro precariato”) potrebbe sembrare il contrario. Sta di fatto che la chiave ironica di Bersani rende piacevole l’ascolto anche di storie che spesso sono almeno idealmente "pesanti", e che il lavoro sulle musiche di “L’aldiquà” sicuramente rende più giustizia a queste stesse storie. In questo aspetto, e per le storie che racconta, per il modo in cui lo fa sicuramente “L’aldiquà” è un degno progresso in una delle carriere più singolari e per questi più belle della musica italiana.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.