«GET BEHIND ME SATAN - White Stripes» la recensione di Rockol

White Stripes - GET BEHIND ME SATAN - la recensione

Recensione del 26 giu 2005 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

I White Stripes sono il duo più cool e snob della musica rock. Fanno una musica d’altri tempi, in modi d’altri tempi. Completate il quadro con questi elementi e forse capirete il motivo del loro successo: un’immagine alla moda, una ambiguità di fondo nella relazione tra i due signori White, delle buone canzoni e un po’ di divismo di Jack (che negli ultimi anni si è fatto notare per scazzottate varie e relazioni con attrici hollywoodiane).
Insomma, per quanto facciano di tutto per dimostrare il contrario, i White Stripes sono un puro prodotto del music business del nostro tempo. Con questo nuovo disco, “Get behind me satan”, hanno adottato la stessa strategia di sempre: niente interviste, niente CD promozionali ai giornalisti (il disco è stato mandato solo in vinile ai media). Nulla di male, per carità: ogni tanto i giornalisti i dischi possono anche comprarseli. Se non fosse che si ha la sensazione che, nel caso dei White Stripes, la fama e le strategie siano più importanti della musica.
Sensazione confermata dall’ascolto di questo disco. Come al solito, è stato registrato rigorosamente con strumenti analogici. La novità (presunta) è nella formula: è stato composto e suonato principalmente su piano, chitarre acustiche e marimba. Ma alla fine il risultato non cambia: un rock retrò volutamente “sporco” e diretto. Sentite il singolo “Blue orchid” e ve ne renderete conto.
Oppure cambia molto poco, dando alla musica del gruppo un tono un po’ più dimesso e intimista e meno aggressivo del solito. Il gioco funziona solo quando la strumentazione minimale dei White Stripes si ritrova ad eseguire canzoni degne di questo nome. Jack White le sa scrivere, eccome: il bozzetto acustico “Little ghost”, o le divertenti e stralunate “My doorbell” e “Forever for her”: queste sì un po’ diverse dal solito, almeno nei suoni.
lo spirito della band, quello non cambia, qualunque cosa decidano di suonare. A meno che un giorno non decidano di fare un disco con orchestra o iper-suonato e iper-prodotto (non si sa mai), i White Stripes – e questo disco non fa eccezione, anzi conferma l’ipotesi - hanno la vera forza musicale in quell’attitudine retro e grezza, che può far della loro musica un vero toccasana in questi tempi musicalmente ipertecnologici.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.