«MTV UNPLUGGED - Lauryn Hill» la recensione di Rockol

Lauryn Hill - MTV UNPLUGGED - la recensione

Recensione del 24 mag 2002 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Ci sono voluti quattro anni per dare un seguito a “The miseducation of Lauryn Hill” (che aveva venduto ben 12 milioni di copie). Ma il nuovo disco della cantante è quanto di più lontano si possa immaginare dal suo esordio solista post-Fugees. Niente hip-hop/soul, o nessuna rivisitazione acustica di un repertorio consolidato, come potrebbe suggerire il titolo.
Effettivamente si tratta di un disco dal vivo, effettivamente è stato registrato nella nuova serie della fortunata trasmissione di MTV. “Unplugged” consta di 13 canzoni nuove – 11 originali e due cover: “So much things to say” di Marley e il traditional “The conquering lion” - disposte su due dischi. Suonate con la sola chitarra acustica. Insomma, una mossa che in termini di music business è una sorta di suicidio commerciale.
Ma questa è Lauryn Hill nel 2002: stufa di cantare “Baby baby baby” per l’ennesima volta, come spiega lei stessa in una delle numerose chiacchierate con il pubblico che inframezzano le canzoni; una che si è sentita “Bloccata in un sistema che ti succhia il sangue”, come canta in “Mr. Intentional”. Un’artista che ha reagito con un disco che è una testimonianza, più che un album. La testimonianza fedele di un concerto, senza editing o overdub, e la testimonianza di un periodo difficile, di sovraesposizione ai media e al pubblico. Forse il momento più toccante dell’intera raccolta è il pianto durante “I gotta find peace of mind”, un titolo che è tutto un programma.
Fatta questa premessa, “Unplugged” è un disco che si fa apprezzare più teoricamente che in pratica. Le canzoni sono belle, l’interpretazione vocale è da brivido, spesso anche per le piccole imperfezioni che la rendono “vera”. Discorso diverso per la parte musicale: la chitarra è suonata dalla stessa Hyll in modo un po’ artigianale, basato molto sulla dimensione ritmica. Anche questo fa parte della dimensione “reale” della situazione; ma, alla lunga, appiattisce le canzoni. E se è vero che era impossibile omettere i vari monologhi, fondamentali per comprendere la situazione, globalmente minano un po’ la piacevolezza di una performance comunque di valore.
Insomma, un disco meritorio e coraggiosissimo, anche solo per il modo in cui un’artista sfida a testa alta le convenzioni dell’industria. Peccato però che il CD sia pieno di indicazioni “will not play on PC/MAC” -la scritta che segnala che i lettori dei computer casalinghi non possono leggere il supporto, per evitare le copie pirata- che riportano anche questo disco alla dura realtà del music business…

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.