«THE DAY THE EARTH MET THE...ROCKET FROM THE TOMBS - Rocket From The Tombs» la recensione di Rockol

Rocket From The Tombs - THE DAY THE EARTH MET THE...ROCKET FROM THE TOMBS - la recensione

Recensione del 01 apr 2002

La recensione

Quest’album è una specie di pezzo da museo, un testo da studiare per laurearsi in storia del rock. Nei Rocket From The Tombs infatti militavano il futuro leader dei Pere Ubu David Thomas nonché Gene O’ Connor e Johnny Madansky, più noti in seguito come Cheetah Chrome e Johnny Blitz nei Dead Boys. In più, il co-fondatore Peter Laughner si è guadagnato una piccola nicchia nel pantheon dei maledetti bruciando la sua esistenza nel classico stile del rocker ribelle dedito agli eccessi. Insomma, roba che i meno portati all’archeologia preferiscono in genere evitare. Un peccato, perché l’impeto della musica dei Rocket contrasta in modo stridente con l’inevitabile aura di reperto storico del CD, ricavato da registrazioni di bassa qualità sonora risalenti al 1975. Non c’era traccia di accademia del rock nelle intenzioni originarie della band: “Il motivo per cui abbiamo fatto questo nastro è per dirvi anche voi lo potete fare” diceva Laughner del demo realizzato dal gruppo in sala prove, dal quale provengono i primi nove brani di questo CD (gli altri provengono invece da due esibizioni dal vivo). L’idea fondamentale era dunque il rock come forma d’espressione possibile anche al di fuori degli standard di produzione dominanti. In breve, il punk prima che qualcuno lo chiamasse così. I modelli di partenza più evidenti sono Velvet Underground e Stooges (i primi vengono omaggiati con una ripresa di “Foggy notion”, i secondi con “Raw power” e “Search & destroy”), e le esaurienti note del booklet spiegano quali fossero gli altri padri putativi dei componenti della band: MC5, New York Dolls, Alice Cooper facevano parte delle esperienze precedenti. Il risultato è una miscela di rock, ambizioni artistiche e slanci avanguardistici, a tratti caotica ma che coglie perfettamente l’urgenza del momento. Ci sono già i semi della futura separazione: da un lato il teppismo rock ‘n’ roll di “Ain’t it fun” e “Sonic reducer”, che sarebbero diventate cavalli di battaglia dei Dead Boys, dall’altro le cupe visioni di “30 seconds over Tokyo” e “Final solution”, che nelle mani dei Pere Ubu avrebbero indicato una direzione per superare la furia del punk. In mezzo c’è Laughner, sedotto dal nichilismo che ha caratterizzato molta musica degli anni ‘70 (“Life stinks” è sua). Se avessero continuato, i Rocket From The Tombs avrebbero avuto le caratteristiche buone per arrivare ai vertici della scena punk e della successiva new wave. Ma queste sono noiose speculazioni da accademico. Meglio far partire il CD, selezionare la nona traccia e ascoltare come si violenta il riff di “Satisfaction” in una manciata di secondi.

(Paolo Giovanazzi)

TRACKLIST

01. Raw power
02. So cold
03. What love is
04. Ain’t it fun
05. Transfusion
06. Life stinks
07. Muckraker
08. 30 seconds over Tokyo
09. Satisfaction
10. Sonic reducer
11. Never gonna kill myself again
12. Final solution
13. Foggy notion
14. Amphetamine
15. Read it & weep
16. Seventeen
17. Frustration
18. Down in flames
19. Search & destroy
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.