«IO SONO L'ANGELO - Giancarlo Onorato» la recensione di Rockol

Giancarlo Onorato - IO SONO L'ANGELO - la recensione

Recensione del 08 gen 1999

La recensione

A quasi quindici anni di distanza dai suoi inizi di carriera, Giancarlo Onorato arriva con "Io sono l’angelo" a fornire la sua prova migliore. Ambizioso, asciutto, poetico e intenso, il secondo disco da solista dell’ex-leader degli Underground Life si propone come un album a sé nei confronti dell’intera scena rock italiana, sposando con semplicità le differenti personalità di un artista dalle infinite sfaccettature, come Onorato dimostra da tempo di essere. È proprio di arte a tutto tondo che bisogna parlare a proposito della sua attività e delle sue opere, che l’hanno visto pubblicare, oltre ai dischi, anche racconti capaci di metterne in luce indubbie qualità di narratore (vedi "L’officina dei gemiti", pubblicato da Stampa Alternativa), per non parlare delle mostre di dipinti e di tanto altro. È proprio la sua ‘attività’ artistica a colpire, il suo essere per molti versi un ‘attivista’ in questo campo, ed essere quindi in contatto con molte realtà creative. È anche per questo che all’album partecipano collaboratori importanti come Carlo Rossi, Estasia, Il Parto Delle Nuvole Pesanti, Massimo Volume, Andrea Chimenti, Sux!, Bandamanera, Quintetto d’archi Echo Ensemble, Lilith e Anna Lamberti Bocconi. Per questo disco Onorato ha privilegiato atmosfere intimiste, realizzando un album verrebbe da dire quasi cantautorale, tali e tanti sono i riferimenti che lo legano alla scuola della canzone francese e a una suo certo gusto teatrale. Strettamente contemporaneo, però, nel modo in cui è scritto e realizzato, "Io sono l’angelo" continua il discorso sulla bellezza e la poesia da sempre portato avanti da Onorato, con la descrizione di creature sempre umane e divine al tempo stesso, con aspirazioni, sogni e capacità di fluire attraverso il reale ricercandone lo scintillio, il momento irripetibile. Canzoni memorabili come "Punkabaret", "Lettera sul cielo", "La storia per noi", "La tua grazia bambina" e la conclusiva "Mia cattedrale" rendono questo un album riuscito e completo, capace di sintetizzare la vena creativa di un artista prolifico e ispirato.

Tracklist:
"Le nozze chimiche"
"Lettera sul cielo"
"Acqua di valium"
"Il ritorno di lei"
"Punkabaret"
"Io sono l’angelo"
"La storia per noi"
"La tua grazia bambina"
"Lauda del mattino"
"I giorni amari"
"Tutto il niente"
"Gli sposi volanti" (su un dipinto di Marc Chagall)
"Mia cattedrale"

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.