«GUERRA - Peppe Barra» la recensione di Rockol

Peppe Barra - GUERRA - la recensione

Recensione del 05 set 2001

La recensione

E’ pieno di colori “Guerra”, il nuovo album di Peppe Barra, un personaggio con una storia artistica di gran rilievo, a partire dalla Nuova Compagnia di Canto Popolare che lo vide protagonista vari lustri fa. L‘artista napoletano torna al mercato discografico a sette anni di distanza da “Mo’ vene”(con il quale vinse la targa Tenco come miglior interprete nel 1993). Un lungo periodo di silenzio dovuto in parte anche alle difficoltà per trovare un contratto discografico per pubblicare questo disco. Ed è stato un vero peccato aver dovuto attendere tanto perché questo è un signor disco. Un gran bel disegno, colorato da mano sapiente, con la voce di Barra che è una matita a punta per niente fine. Una voce grassa, prorompente e villana, che a volte si contiene, a volte no, e varia e modula squisitamente come ha imparato a fare in tanti anni di attività. E quando il ritmo si intestardisce di velocità Barra dà veramente l’anima.
Tutti i brani sono arrangiati con classe e sono un tripudio di etnia non solo partenopea, visto che si mescolano sonorità di ogni dove. L’eccellente risultato finale è anche merito dei musicisti che accompagnano Barra e che vale davvero la pena di nominare: Lino Cannavacciuolo (che ha curato gli arrangiamenti e composto le musiche di molti brani oltre ad aver suonato il violino), Paolo Del Vecchio (chitarre) Sasà Pelosi (basso), Ivan Lacagnina (percussioni), Mario Conte (tastiere). Così come una citazione è doverosa anche per gli autori, con Barra, dei brani originali dell’album: Patrizio Trampetti, Massimo Andrei, Dario Iacobelli e lo stesso Lino Cannavacciuolo. Ma vanno segnalate anche le composizioni riprese da altri, come la stupenda versione trascinata de “Il canto dei Sanfedisti”, brano tradizionale di grandissima ispirazione che farebbe muovere anche le montagne, e quella di “Don Raffaè” (anche se nei crediti il pezzo viene attribuito al solo De Andrè, mentre è stato scritto a sei mano dal cantautore genovese, da Massimo Bubola e da Mauro Pagani).
Sul piano delle sonorità ci sono anche delle sorprese, ad esempio “Guerra” (il brano) gode di un gran incedere ai limiti del trip-hop, e l’elettronica in genere non è per niente disdegnata in tutto l’album, anche se sta più che altro dietro le quinte.
Non vorremmo dover attendere anni e anni per il prossimo album.

(Francesco Casale)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.