«EXCITER - Depeche Mode» la recensione di Rockol

Depeche Mode - EXCITER - la recensione

Recensione del 08 giu 2001

La recensione

Minimalisti e romantici: ecco i nuovi i Depeche Mode. Questo “Exciter” è una piccola grande sorpresa; che Dave Gahn, Martin Gore e Andy Fletcher avessero una vena intimista lo si sapeva, ma mai come ora viene allo scoperto. Le “songs of faith and devotion” mai come in “Exciter” si trasformano in “songs of love”, dalle atmosfere soffuse e dalle melodie avvolgenti.
Una scelta che fa riflettere, quella dei Depeche Mode, perché questo nuovo disco è di fatto il disco del consolidamento, dopo la reazione di “Ultra” – primo disco dopo i ben noti problemi di droga di Gahan – e dopo la celebrazione dei “Singles 1986-1998”. Se le atmosfere bluesate di “Dream on” o “The sweetest condition” non sono per nulla inedite (si pensi a “Personal Jesus”) e proprio l’atmosfera generale del disco a colpire, lasciando praticamente poco spazio a quell’elettro-pop che ha reso universalmente noto il gruppo. Proprio canzoni come “The sweetest condition” o “When the body speaks” e “Freelove” indicano i punti di riferimento a cui guarda la penna di Martin Gore, molto più vicina nel primo caso al compagno di scuderia Mute Nick Cave o nei secondi due alle migliori ballate U2.
Quello che rimane in queste canzoni, come in tutto il resto del disco, è l’originalità di un suono che ha reso unici i Depeche, che hanno sperimentato il mix tra elettronica e strumentazione “tradizionale” ben prima che diventasse di moda. Da questo punto di vista, fa sempre piacere sentire brani più upbeat come “I feel loved”
Insomma, un disco piacevole, come lo è sempre stato la musica dei Depeche Mode. Basta però non cadere nell’errore che il lavoro di Gore, Gahan e Fletcher si fermi a quest’aggettivo, come spesso si è fatto in passato confondendo i Depeche Mode con più effimeri gruppi alla moda. Sono di tutt’altra pasta e, ce ne fosse ancora bisogno, “Exciter” sta a dimostrarlo.

(Gianni Sibilla)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.