«LIVE INSURRECTION - Rob Halford» la recensione di Rockol

Rob Halford - LIVE INSURRECTION - la recensione

Recensione del 27 ago 2001

La recensione

Rob Halford ha indubbiamente assunto lo status di icona del metal. Formatosi ai tempi dei Judas Priest, si era allontanato dai territori heavy metal con un paio di progetti collaterali alquanto discutibili (Fight e Two). Con l'album dello scorso anno, "Resurrection", era ritornato alla grande sui binari di sempre, che gli erano certamente più congeniali. Questo "Live insurrection" giunge a neanche un anno da "Resurrection" ed è il coronamento del grande comeback di Rob sulle scene, pari solamente a un altro grande tour del ritorno: quello di "Brave new world" di Maideniana memoria. Pubblicata in due CD, la qui presente opera ci presenta il calvo vocalist come uno dei più potenti e carismatici cantanti live del genere in circolazione, paragonabile a Bruce Dickinson. Proprio con quest'ultimo è incluso un entusiasmante duetto intitolato "The one you love to hate", la premessa di una futura collaborazione tra virtuosi. Un paio di incursioni sono tratte dal periodo Fight ("Nailed to the gun" e "Into the pit"), ma non mancano due tracce inedite provenienti dalla versione giapponese del suo studio album ("Sad wings" e "Hell’s last survivor"). Aggiunti anche dei nuovi brani da studio, posti in scaletta per rendere più goloso il disco e rintracciabili in "Heart of a lion", "Prisoner of your eyes" (due vecchi brani risalenti al periodo '80 dei Priest) e "Screaming in the dark". Gli hits di "Resurrection", come l'omonimo brano, "Cyberworld", "Saviour", "Slow down" e "Made in hell" riescono anche qui a colpire nel segno come fecero al loro esordio, ma le canzoni che sicuramente faranno spiccare i salti di gioia a tutti i fan sono le grandi "Breaking the law", "Electric eye", "Tyrant", "Stained class", "Riding on the wind" e "Jawbreaker", brani dei Judas Priest che Halford interpreta con vera classe e potenza. Nel complesso il disco rende giustizia alla autorevolezza del nostro Rob e l'unico appunto che si può fare forse è la troppa pulizia in fase di produzione, in special modo su "Unleashed in the east", pezzo di indubbia bellezza ma palesemente ritoccato. Forse, per essere promosso a pieni voti, il disco doveva essere lasciato intatto nella sua crudezza e semplicità, ma la professionalità del produttore Roy Z certamente ci ha messo lo zampino, non riuscendo a stare solamente a guardare. Un ottimo live album che fa impallidire quello del '98 dei suoi ex compagni ("Meltdown").

(Angelo Ferrari)

TRACKLIST

CD1
01. Resurrection
02. Made in hell
03. Into the pit
04. Nailed to the gun
05. Lights come out of black
06. Stained class
07. Jawbreaker
08. Running wild
09. Slow down
10. The one you love to hate
11. Life in black
12. Hell's last survivor
13. Sad wings
14. Saviour
15. Silent screams

CD2
01. Intro
02. Cyberworld
03. The hellion
04. Electric eye
05. Riding on the wind
06. Genocide - 1st encore
07. Beyond the realms of death
08. Metal gods - 2nd encore
09. Breaking the law
10. Tyrant
11. Screaming in the dark
12. Heart of a lion
13. Prisoner of your eyes
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.