«ASLEEP IN THE BACK - Elbow» la recensione di Rockol

Elbow - ASLEEP IN THE BACK - la recensione

Recensione del 04 giu 2001

La recensione

Uno strazio? No, una prova, ma dolorosa: un album di canzoni affogate nel dolore e nei ricordi. L’atteso debutto degli inglesi Elbow ha casa nella terra del tormento. Presentatasi al mondo con “Newborn”, un singolo duro, scuro, che lascia senza fiato, la band ha pubblicato un disco contorto, angoscioso, angosciante e ossessivo. In cui volendo c’è posto per tutto, fuorché per la fretta: i ritmi sono lenti, da bradicardici, l’uso degli strumenti centellinato, quasi che sfruttarli troppo sia un peccato. “Facciamo prog-rock senza assoli”, ha spiegato una volta Guy Garvey, voce del gruppo. Ed è così? Forse, ma non solo. Questo è un disco che parla di questioni politiche e di questioni dell’anima, con l’organo di Craig Potter a far da sottofondo, la voce di Garvey trascinata, desolata, stanca (ma limpida) sempre in primo piano. “Asleep in the back” è un disco di canzoni d’amore che finiscono male, di storie lente e lunghe come quella del mondo, di cose non dette, di azioni non compiute. Un album di rimorsi e di rimpianti (cos’era peggio, nel proverbio?), rarefatto e introspettivo: no all’ascolto per i depressi, sì per quelli che stanno per affrontare un lungo viaggio in macchina, meglio se di notte, meglio se da soli, meglio se amanti dei film di David Lynch.

(Paola Maraone)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.