«CIAO! - Lush» la recensione di Rockol

Lush - CIAO! - la recensione

Recensione del 29 mar 2001

La recensione

Ascoltare questa raccolta delle Lush rischia di essere un’esperienza un po’ malinconica per chi anni fa si interessava della scena indipendente, si rodeva perché in Italia non arrivavano mai festival come il Lollapalooza e prendeva ancora sul serio le recensioni di Melody Maker e New Musical Express. “Ciao!” fa un po’ l’effetto di un reperto di un'epoca tutto sommato remota, anche se è composto da brani pubblicati fra il 1989 e il 1996. Passano in rassegna vari ricordi di quella che fu la scena "alternativa" (altra parola ormai remotissima) inglese: “Thoughtforms” ed “Etheriel” ad esempio risuonano di quelle chitarre elettriche vagamente anni ‘60, solo leggermente sporcate dal punk e di vocine femminili eteree e un po’ stentate che erano fra i marchi di fabbrica più ricorrenti dei gruppi britannici dell’epoca. Se si salta poi ai pezzi prodotti da Robin Guthrie, si fa evidente invece l’eco dei suoi Cocteau Twins (“Monochrome” è un esempio particolarmente vistoso), altro nome imprescindibile del periodo. Il materiale più recente mostra più destrezza compositiva e maggiore confidenza vocale: l’indie pop era ormai diventato ufficialmente un mezzo per farsi strada anche nelle classifiche, e i gruppi si attrezzavano per essere all’altezza della situazione. Canzoni come “Single girl” o “Hypocrite” avrebbero ancora le caratteristiche buone per farsi notare anche adesso, magari con suoni un po’ più aggressivi e una cantante sufficientemente bonazza per fare la sua figura in un video da alta rotazione su MTV. Forse è proprio questo a fare malinconia: Emma Anderson e Miki Berenyi sono riuscite ad arrivare arrivate alle classifiche con un misto di divertimento, incompetenza e istinto per le melodie orecchiabili. Adesso, tentare un’avventura del genere seguendo moduli stilistici simili ai loro richiederebbe un dispiegamento di mezzi notevole e una volontà di carriera degna del manager più bieco. E il fatto che la storia si sia chiusa con il suicidio del batterista Chris Acland aggiunge una ulteriore nota di tristezza.


(Paolo Giovanazzi)
CIAO! Lush Pop
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.