«ROYAL BLUE - Koko Taylor» la recensione di Rockol

Koko Taylor - ROYAL BLUE - la recensione

Recensione del 24 nov 2000

La recensione

Nuovo album per Koko Taylor dopo sette anni di assenza dalla scena discografica. Un’attesa non vana, considerato il livello del lavoro. Cresciuta a Memphis e trasferitasi poi a Chicago, Koko ha sempre cercato di ascoltare il blues attraverso artisti diversi e molti dei suoi riferimenti musicali si sono nel corso della sua quarantennale carriera esibiti con lei sul palco. La Taylor, ormai regina della scena blues di Chicago (dove il 3 marzo si celebra il “Koko Taylor Day”), si può permettere ospiti prestigiosi e in questo “Royal Blue” lo fa mostrando di tenere d’occhio sia la tradizione, con B.B. King, che la scena blues moderna con i giovani Keb Mo’ e Kenny Wayne Shepherd: tre chitarristi dagli stili assai differenti, che permettono alla Taylor di muoversi su ampi territori, dove si mostra peraltro perfettamente a suo agio in qualunque situazione facendo da perno attorno al quale far girare il possente macchinario a dodici battute che la circonda. B.B. King duetta con Koko in “Blues Hotel”, mentre Keb Mo’ sostiene da solo con armonica e National steel la voce della black singer in un’ispirata “The man next door”; Shepherd suona invece nella rockeggiante “Bring me some water”. Non che questo disco necessitasse di compensare le parti di chitarra, per carità; già può contare sull’apporto di un egregio Criss Johnson, che non è secondo a nessuno. L’album è comunque suonato con il piglio giusto da una band solida e preparata (Dolpha Fowler Jr. all’organo, Johnnie Johnson e Ken Saydak al pianoforte, Kenny Hampton al basso, Kriss T. Johnson alla batteria, Mark Colby al sax, Matthew Skoller all’armonica), risultando coinvolgente e “groovy”, senza una sbavatura o una caduta di tensione. Se volete ascoltare dell’ottimo blues, di quello che scorre sotto pelle e si infila nelle arterie, “Royal blue” è il disco che fa per voi.

(Diego Ancordi)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.