Inizia (tra altri veleni) il tour dei nuovi Culture Club

Inizia (tra altri veleni) il tour dei nuovi Culture Club
Inizierà il prossimo 7 dicembre il tour dei nuovi Culture Club. Il gruppo che fu di Boy George ha deciso di farsi chiamare Culture Club Reborn, rimpiazzando il carismatico Boy con lo sconosciuto ventinovenne Sam Butcher. Qualche giorno fa Boy ha commentato acidamente la mossa dei suoi ex soci. Il cantante, 45 anni, ha affermato che ha fatto di tutto per farsi piacere Butcher ma di non esserci riuscito. "Quel tipo lì", ha riferito dopo aver guardato il video su MySpace, "è terribile, anzi spaventoso. E poi quelle sono le mie canzoni, sono il mio cuore, sono la mia vita". La palla passa ora all'altra squadra. "Noi non abbiamo mai detto nulla su George, perché George è sempre stato George", ha affermato Jon Moss, il batterista originale della formazione. Moss, il quale ai tempi dei maggiori successi del gruppo britannico ebbe una relazione sentimentale col cantante, ha poi detto: "Ma adesso si è spinto troppo oltre". Il bassista Mikey Craig, riferendosi ai recenti Q Awards, ai quali Boy George si è presentato da solo e si è portato a casa un premio per la canzone "Karma chameleon" nonostante il brano fosse stato composto da tutto il gruppo, ha affermato: "Ai premi di Q avremmo dovuto esserci anche noi. Quella canzone non l'ha scritta lui da solo, l'abbiamo composta tutti insieme". Moss ha poi riferito che all'inizio Boy George avrebbe voluto farsi chiamare Papa George, mentre i Culture Club, secondo il cantante, sarebbero dovuti essere i Caravan Club. "C'è una sola persona alla quale George vuole bene, ed è George", ha detto Moss. "Lui è come una ex moglie da incubo. Questo tipo è da anni che è scortese con me, adesso sono stufo".
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.