Thomas Dolby forse denuncia il marito di Britney Spears

Thomas Dolby, tornato recentemente a far notizia dopo un lunghissimo silenzio, sta considerando l'ipotesi di denunciare Kevin Federline, il marito di Britney Spears. Federline, come noto, si è messo in testa di diventare rapper e dovrebbe pubblicare il suo primo album nel corso della prossima estate; dopo un primo singolo "download only", che pare peraltro abbia avuto scarse ordinazioni, qualche giorno fa sulla sua pagina su MySpace ha postato una nuova canzone. Si tratta di "America's most hated", in cui il Kev ha utilizzato un campionamento dal vecchio successo "She blinded me with science" di, appunto, Dolby. Il musicista, che sta per tornare in pista dopo quasi quindici anni, ha riferito che il signor marito non si è nemmeno sognato di chiedergli l'autorizzazione. "In qualche modo il signor Federline ha pensato di poter essere al di sopra della legge", ha affermato Dolby, che recentemente ha contribuito alla colonna sonora del nuovo film "Mission: impossible 3".
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.