Quando Albert King disse a Stevie Ray Vaughan: "Mi devi 50.000 dollari"

L'aneddoto sui due bluesmen è stato raccontato da Carlos Santana
Quando Albert King disse a Stevie Ray Vaughan: "Mi devi 50.000 dollari"

Ogni mondo ha le proprie regole, così anche l'universo blues possiede usi, costumi e riti che a volte non sono scritti. Nella sua autobiografia “Suono universale” (Mondadori) Carlos Santana sostiene che nel blues tutti si conoscono e tutti sanno chi hai ascoltato e da chi hai rubato per forgiare il tuo stile. Al proposito il chitarrista di origine messicana riporta una storia tutta blues che un giorno gli raccontò la buona anima di Stevie Ray Vaughan, passato a miglior vita il 27 agosto del 1990.

Eccola, con le parole usate da Santana. “Stevie aveva suonato in Texas per anni prima di diventare famoso nel 1983, incidendo per David Bowie la chitarra solista di “Let’s Dance” con quel suono cattivo, pungente come quello di Albert King. E così si ritrovò a suonare ai grandi festival blues e rock, nei circuiti importanti. La prima volta che incontrò Albert, Stevie era contentissimo di vederlo. Albert era nei camerini, seduto a caricare la pipa. Non si alzò, non gli strinse la mano. Si limitò a fissare Stevie. “Mi devi cinquantamila dollari.” Era il prezzo per aver imitato il suo stile. E sapete cosa mi ha detto Stevie? Lo pagò.”

Albert King - scomparso il 21 dicembre 1992 all'età di 69 anni a causa di un attacco cardiaco - non può confermare la veridicità della storia e, soprattutto, se Stevie Ray ha effettivamente saldato il suo debito. Comunque sia, questa è una delle tante e belle storie regalateci dal blues.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.