Billie Eilish: “Cercare di apparire sempre belli è una perdita di libertà”

In una nuova intervista la cantautrice californiana è tornata a parlare delle insicurezze legate all'aspetto fisico.
Billie Eilish: “Cercare di apparire sempre belli è una perdita di libertà”
Credits: Kelia Anne MacCluskey

A margine di una recente intervista Billie Eilish, che ieri - 30 luglio - ha dato alle stampe il suo nuovo album, “Happier than ever”, è tornata a parlare delle insicurezze legate all'aspetto fisico e di come i social influenzano la percezione del corpo. 

“Fin da quando ero bambina, mio padre ed io abbiamo sempre parlato di quel tipo di persona un po’ insicura, iperconcentrata e timida, che non si muove mai in modo strano o non fa mai smorfie, perché vuole sempre apparire di bell’aspetto”, ha detto la 19enne cantautrice a Miranda Sawyer del Guardian. Ha continuato: “L'ho notato e mi rattrista. Mantenere una certa posizione, camminare in un determinato modo, avere sempre i capelli in un modo… È una tale perdita cercare sempre di apparire sempre di bell’aspetto. È una perdita di gioia e libertà nel proprio corpo”. 

La seconda prova sulla lunga distanza della voce di “Bad guy”, uscita due anni dopo il disco d’esordio della popstar statunitense, “When we all fall asleep, where do we go?”, contiene un brano intitolato “OverHeated”. Durante l’intervista concessa al Guardian, a proposito della canzone Billie Eilish ha rivelato: “Riguarda tutte quelle persone che promuovono standard irraggiungibili di bellezza”. Ha aggiunto: “Va assolutamente bene lavorare: fai questo, fai quello, fai ciò che ti fa sentire felice. È solo quando lo si nega e si dice: ‘Ho capito tutto da solo, e se solo tu ci provassi di più, potresti ottenerlo’, che mi fa letteralmente infuriare. È negativo per le giovani donne – e anche per i ragazzi – vederlo”.

A proposito dell’influenza dei social sulla percezione che si ha del proprio corpo, pur sapendo per esperienza nell’industria musicale che sulle piattaforme come Instagram vengono spesso condivise immagini lontane dalla realtà, la cantautrice californiana ha svelato di sentirsi spesso insicura di fronte a certe foto. “Vedo persone online mostrarsi come non mi è mai capitato”, ha detto Billie Eilish. E ancora: “Conosco i dettagli di questo settore e i trucchi che le persone usano nelle foto, e so davvero che ciò che sembra reale può essere falso. Eppure, mi capita ancora di vedere dei contenuti e pensare: ‘Mi fa stare davvero male’. Io sono molto sicura di chi sono e sono molto felice della mia vita... ovviamente non sono felice del mio corpo. Ma chi lo è?”.

In concomitanza con la pubblicazione del suo secondo album in studio, ieri la voce di “When the party's over” ha condiviso anche il video della title track di “Happier than ever”, diretto dalla stessa cantante.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.