Bruce Springsteen suona per il Woody Guthrie Prize. Video.

Il musicista del New Jersey ha eseguito quattro brani: due suoi e due del grande cantautore scomparso oltre cinquanta anni fa
Bruce Springsteen suona per il Woody Guthrie Prize. Video.

Come comunicato una decina di giorni fa, ieri Bruce Springsteen ha ricevuto il Woody Guthrie Prize 2021 che gli è stato consegnato da Nora, la figlia del leggendario cantautore statunitense scomparso nel 1967. Per l'occasione il musicista del New Jersey, via stream dalla sua tenuta, ha eseguito quattro canzoni e ha rivelato anche alcune informazioni sul suo prossimo album.

Come riporta Njarts.

net, Springsteen parlando con Nora Guthrie e Bob Santelli ha dichiarato: "La California ha avuto un'enorme influenza su alcuni dei miei ultimi scritti, attraverso i miei anni '90, fino agli anni 2000, e anche ora, su un disco che uscirà presto che sarà ambientato in gran parte ad Ovest. Sono stato molto coinvolto nel raccontare quelle storie del West con il mio lavoro.".

Il Boss ha eseguito versioni acustiche di due canzoni di Guthrie, "Tom Joad" e "Deportee (Plane Wreck at Los Gatos)", oltre a due suoi brani: "Across the Border" e "The Ghost of Tom Joad". Le due canzoni di Guthrie, nonostante il tempo trascorso da quando vennero scritte, sono sempre attuali, la prima infatti parla della brutalità della polizia, mentre la seconda riguarda il tema dell'immigrazione. Prima di eseguire "Deportee" Springsteen ha detto: "Fino ad oggi, le nostre leggi sull'immigrazione sono un disastro."



Subito dopo aver accettato il premio, Bruce ha detto che quando aveva 28 anni si sentiva senza speranza e di aver trovato qualcosa nella musica di Guthrie che non riusciva a trovare nel pop o nel country di allora: la speranza.

Rivolgendosi a Nora Guthrie ha detto: "Ho sempre detto che Bob Dylan era il padre del mio paese, ma tuo padre era il nonno del mio paese. La sua è stata la prima musica in cui ho trovato un riflesso dell'America che credevo fosse sincero, dove credevo che i veli fossero stati tolti e che quello che vedevo era il vero paese in cui vivevo, e cosa c'era in gioco per le persone e i cittadini che erano i miei vicini e i miei amici. E questo mi ha guidato nel profondo. (.) Avevo 30 anni e abbiamo iniziato a suonare "This Land Is Your Land" in concerto. Non so se ci sarei mai arrivato, se avrei mai trovato quel genere di speranza, quel tipo di dedizione, e mettere il lavoro in una qualche forma di azione. E solo un racconto più profondo delle storie di persone le cui storie, ho sempre sentito, che spesso rimangono inascoltate". .

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.