Quando Bono e gli U2 dedicarono una canzone a Amy Winehouse

Era l'estate del 2011, la musicista inglese era passata nel mondo dei più
Quando Bono e gli U2 dedicarono una canzone a Amy Winehouse

A metà pomeriggio del 23 luglio 2011 viene trovata morta, nel letto di casa sua a Londra, la cantautrice britannica Amy Winehouse. Come sicuramente noto a quanti sono informati sulle cronache musicali, Amy aveva solo 27 anni e morendo entrava a far parte del macabro club delle celebrità del mondo della musica scomparse a un'età che pare portare con sè una sinistra maledizione.

Quella sera gli U2 sono impegnati in concerto al TCF Bank Stadium di Minneapolis (Minnesota), una data americana del loro 'U2 360°' tour, appresa la triste notizia dedicano la loro "Stuck in a Moment You Can't Get Out Of" alla tormentata soul singer londinese. "L'abbiamo scritta per Michael Hutchence... ma stasera la suoneremo per Amy Winehouse", disse Bono al pubblico prima di eseguire la canzone.

"Stuck in a Moment You Can't Get Out Of", venne scritta dalla band irlandese in memoria del cantante degli Inxs Michael Hutchence, amico intimo di Bono, morto suicida il 22 novembre 1997 all'età di 37 anni. In un'intervista rilasciata al magazine Rolling Stone, il frontman degli U2 rivelò che lui e Hutchence ebbero modo di parlare tra loro di suicidio: "Abbiamo parlato del suicidio un paio di volte ed entrambi eravamo d'accordo su quanto fosse patetico". Paul David Hewson, questo il vero nome del cantante di Dublino, aggiunse che si erano "promessi l'un l'altro" che nessuno dei due si sarebbe mai suicidato.

Sempre ai taccuini di Rolling Stone Bono Vox – che oggi compie 61 anni - parlò anche della canzone dedicata all'amico scomparso: "E' una lite tra amici. Stai cercando di svegliarli da un'idea. Nel mio caso è una lite che non ho mai avuto quando lui era in vita. Sento che il più grande rispetto che potevo portargli non era di scrivere qualche stupida e sdolcinata canzone del cazzo, così ne ho scritta una davvero dura e cattiva, dandogli uno schiaffo in testa. Mi dispiace, ma è così che mi è uscita."

Per "Stuck in a Moment You Can't Get Out Of" vennero realizzati tre video diversi. Il primo, diretto da Kevin Godley, mostra la band che aiuta Bono dopo che questi è stato sbalzato fuori da un furgone. Il secondo, diretto da Joseph Kahn, venne girato in Germania, a Berlino, e mostra il gruppo in uno stadio a guardare una partita di football. Il terzo video, diretto da Joe Edwards e James Mather, venne realizzato per il DVD 'Elevation 2001 - U2 Live from Boston'. Questa clip combina filmati della band che esegue la canzone in studio con spezzoni dove si mostrano i membri della band che si rilassano in Francia.

"Stuck in a Moment You Can't Get Out Of" è stato il secondo singolo estratto dall'album "All That You Can't Leave Behind" (leggi qui la recensione) che venne pubblicato nell'ottobre del 2000. Il brano si aggiudicò il Grammy Award nel 2002 per la 'Migliore canzone di un gruppo o di un duo pop vocale'.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.