Ministri, una sassata alle finestre delle case in cui siamo chiusi

La band, a tre anni di distanza da “Fidatevi”, pubblica il nuovo singolo “Peggio di niente”. E ritrova il furore degli inizi.
Ministri, una sassata alle finestre delle case in cui siamo chiusi
Credits: Foto di Chiara Mirelli, abiti di Nicolò Cerioni

Un urlo strozzato e poi una scarica rock. Inizia così “Peggio di niente” il nuovo singolo dei Ministri, figlio di quest'anno spezzato, arrabbiato, deluso e confuso. Escono dal silenzio con un brano potente e selvaggio, prodotto dalla stessa band insieme a Ivan Antonio Rossi. Davide Autelitano, Federico Dragogna e Michele Esposito aprono un nuovo capitolo della propria carriera con una canzone che ricorda il furore degli inizi, i poghi sotto “I soldi sono finiti”, “Diritto al tetto” e altri pezzi.

C’è la potenza del suono, ma anche delle parole, come da tradizione: fra citazioni di De André (cantautore a cui Dragogna ha dedicato anche un significativo spettacolo), il peso del vuoto che incombe e fotografie strappate di persone oggi in conflitto, i tre artisti dalle giacche napoleoniche hanno voluto spiegare il significato della canzone: "Bambini soli davanti a uno schermo, famiglie che non si possono abbracciare, code infinite per un pasto caldo, persone che non possono più lavorare: il nulla in cui questa pandemia ci ha precipitato è senza confini. E pensavamo non potesse esserci di peggio, finché non abbiamo visto qualcuno mettere gli uni contro gli altri - in un crescendo di diffidenza, sospetto e accuse. Quello sì, è stato peggio di niente”.

E come a voler sottolineare un elemento di continuità nello stravolgimento di prospettive, vita e abitudini, si sono affidati a Nicolò Cerioni (che ha curato anche l’immagine di Achille Lauro) e alla sua arte per i loro nuovi abiti di scena. "Il nostro cammino è stato segnato da una lunga serie di incontri con professionisti incredibili, persone innamorate del loro lavoro e della vita, guidate dalla passione e dalle loro visioni. In questo periodo buio abbiamo avuto la fortuna di incontrarne di nuove, una delle quali è certamente Nick Cerioni - che crea bellezza e libertà come fossero la stessa cosa. E forse, a pensarci bene, lo sono", ha sottolineato il gruppo. La cover del singolo (sfondo bianco con quadrato rosso) si ispira a “L’uomo a una dimensione” di Herbert Marcuse.

Insomma, il pezzo è una sassata alle finestre delle case in cui siamo chiusi, un risveglio che coincide con sonorità sporche e arrabbiate, quelle degli esordi. “Fidatevi”, il loro ultimo progetto discografico, era l’album del dubbio, delle ombre, delle ansie, della solitudine. Ma una luce alla fine del tunnel sembrava esserci: un buon disco, uscito dopo il multistrato “Cultura generale” del 2015, registrato tutto in presa diretta a Berlino negli studi della Funkhaus, ex storica sede della radio pubblica della DDR. Due progetti molto diversi fra loro dove non mancavano alcuni pezzi “pestoni”, sudati e sfacciati nel linguaggio la cui brillantezza, però, veniva sempre messa in discussione davanti alle fiammate dei primi dischi o di un album gioiello come Per un passato migliore” del 2013. “Peggio di niente”, forse per il periodo storico in cui è stato partorito, custodisce l’essenza pura e mai assopita dei Ministri, e guarda allo stesso tempo al futuro della band, facendo sognare un loro live.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.