Gli Slayer si riuniranno mai per un concerto o un tour? La risposta di Gary Holt

Il 56enne chitarrista statunitense torna a parlare della possibilità o meno di rivedere in azione la band di "Reign in blood”.
Gli Slayer si riuniranno mai per un concerto o un tour? La risposta di Gary Holt

Dopo aver chiuso alla reunion degli Slayer durante un’intervista rilasciata lo scorso giugno a Dean Delray per il podcast "Let there be talk”, il 56enne chitarrista statunitense Gary Holt è recentemente tornato a rispondere al quesito che da quasi un paio d’anni tiene sulle spine i fan della formazione trash metal californiana, che ha tenuto il suo ultimo concerto il 30 novembre 2019 al Forum di Los Angeles: ci sarà mai occasione di rivedere in azione Tom Araya, Kerry King e soci?

Durante la chiacchierata con il giovanissimo “Jam Man” per il suo “Rocking with Jam Man”, Holt - che, oltre a essere il leader degli Exodus, è entrato a far parte della band di "Reign in blood" nel 2011 a sostituzione di Jeff Hanneman, successivamente scomparso nel 2013 - rispondendo alla domanda se gli Slayer si riuniranno mai per un concerto o un tour, ha fatto sapere: “Se gli Slayer torneranno mai insieme è una domanda a cui non saprei rispondere. Queste sono domande che sono al di sopra della mia posizione”. Secondo quanto riportato da Blabbermouth, Gary Holt ha aggiunto:

“Se coloro che hanno il potere di farlo, tra un anno o giù di lì, diranno: ‘Ehi, sapete una cosa? Abbiamo voglia di fare qualche show’, io ci sarò. Ma queste non sono decisioni da prendere per me, o anche su cui speculare. Per quanto ne so, la band è finita e il concerto finale si è tenuto il 30 novembre 2019. E io ora sto andando avanti a tutta velocità con gli Exodus”.

La recente dichiarazione di Holt non si allontana di molto da quanto dichiarato dal chitarrista a giugno 2020, quando a Dean Delray aveva spiegato: “Per quel che ne so è finita”, prima di aggiungere: “La gente dice: ‘Magari torneranno insieme tra qualche anno’. Io non lo so. Se mai succederà, io non centrerei nulla. Qualcun altro dovrebbe chiamare e dire: ‘Vorremmo fare questa cosa’. Da che ne so io, è finita e credo che così debba essere”.

L’ultimo album in studio consegnato ai mercati dagli Slayer è “Repentless" che, uscito nel 2015 a sei anni di distanza dal precedente “World painted blood", è stato il primo realizzato dal gruppo senza Jeff Hanneman, scomparso due anni prima. Il disco ha visto per la prima volta Tom Araya e Kerry King al lavoro in studio di registrazione con Gary Holt ed è stato il primo dai tempi di “God hates us all” del 2001 inciso con il batterista Paul Bostaph, chiamato a sostituire Dave Lombardo dopo il licenziamento di quest’ultimo da parte della band.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.