David Bowie Tribute Day: Marianne Mirage in "Space Oddity" per Rockol

La canzone uscita su singolo nel 1969
David Bowie Tribute Day: Marianne Mirage in "Space Oddity" per Rockol

Marianne Mirage partecipa al David Bowie Tribute Day allestito da Rockol oggi 10 gennaio 2021, nel quinto anniversario della morte dell'artista, con una sua cover di "Space Oddity", per la quale è accompagnata al Rhodes da Luca Mattioni.

 

David Bowie, il quinto anniversario della morte: leggi lo speciale.

David Bowie, il quinto anniversario della morte: tutte le cover realizzate per il Tribute Day di Rockol da artisti italiani

 

Marianne Mirage è un'artista italiana, la cui formazione (dalle influenze del padre pittore, al precoce gusto per il blues, soul e per le grandi voci del jazz) l’ha portata a esprimersi come cantautrice in italiano, francese ed inglese. Si laurea in Lettere e Filosofia.
Dopo una intensa gavetta viaggiando e suonando con diversi musicisti internazionali nei locali di Londra, Parigi, Berlino e Istanbul, firma un contratto come autrice e cantante per l’etichetta Sugar.
Nel 2016 pubblica “Quelli come me”, l’album di debutto.

E' un disco autobiografico, un inno alle battaglie quotidiane e alla lotta per un’idea dalle sonorità soul. .
Partecipa al Festival di Sanremo del 2007 con “Le canzoni fanno male”, scritta e composta per Marianne Mirage da Kaballà e Francesco Bianconi (Baustelle).


Un intenso tour l’ha vista aprire i concerti di importanti e diversi artisti quali Benjamin Clementine, Brunori Sas, Patty Pravo, Masego. E' stata l'artista che ha aperto i concerti italiani di Patti Smith: è stata la poetessa rock in persona a scegliere Marianne Mirage dopo averla vista in un video su Youtube in cui cantava il gospel anni '20 "Jesus Loves me" accompagnandosi alla chitarra.
In occasione della New York Fashion Week Marianne Mirage è stata invitata da Desigual come artista, performer e volto italiano per il brand spagnolo.


Di ritorno in Italia, Marianne Mirage ha scritto, cantato e pubblicato “The Place”, una canzone realizzata su richiesta del regista Paolo Genovese per la colonna sonora del suo omonimo film.
Il brano da lei composto e cantato è stato nominato ai David di Donatello come miglior canzone originale, e nominato anche ai Nastri d'Argento.
Subito dopo il regista Pupi Avati ha scelto “Corri”, una canzone scritta e cantata da Marianne, per il suo film “Il fulgore di Dony”.


Nell’ottobre scorso è uscito il suo ultimo disco per l'etichetta Sugar Music, “Vite rivate”, prodotto da Luca Mattioni, con canzoni scritte insieme a Davide Shorty, Francesco Bianconi, Alessio Bonomo e altri. E' seguito un tour di 30 date.
Al momento sta vivendo una fase mistica, è diventata insegnante di yoga e meditazione e sta scrivendo nuova musica. Ha fondato lo Yoga Mirage che unisce la musica alla pratica yogica. 

Dall'archivio di Rockol - La storia di "The rise and fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars" di David Bowie
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.