Fedez per i lavoratori dello spettacolo: "Lancio una proposta a colleghi e agenzie'

Il rapper milanese riflette sulla crisi, parla di ciò che è stato fatto finora per aiutare la categoria ("L'evento a Verona non ha portato grossi risultati") e non manca di riservare una frecciatina ai promoter.
Fedez per i lavoratori dello spettacolo: "Lancio una proposta a colleghi e agenzie'

Fedez torna a riflettere sulla crisi del settore dello spettacolo a causa del perdurare dell'emergenza epidemiologica da Covid-19 e sulle difficoltà che da qualche mese a questa parte stanno attraversando le varie figure professionali coinvolte nella realizzazione degli eventi, dai fonici ai tecnici. Lo fa dopo la manifestazione che questo fine settimana ha visto lavoratori e imprese del settore scendere in piazza Duomo a Milano per protestare contro le misure adottate finora dal governo, considerate inadeguate ad una crisi del genere, disponendo di fronte alla cattedrale milanese tanti bauli vuoti a testimoniare l'immobilismo del settore. Ricondividendo la proposta già lanciata lo scorso giugno e articolandola:

"Io non sono per gli appelli politici, ho una visione totalmente disincantata del mondo e credo che non servano a un cazzo, fondamentalmente. Quindi io metto sul tavolo una soluzione che avevo già proposto negli scorsi mesi, ma probabilmente non è stata vista. Utilizzo i miei spazi social per proporre una soluzione pragmatica che noi artisti possiamo adottare e che le stesse agenzie di booking possono mettere in atto".

La proposta del 30enne rapper milanese consiste nell'istituzione di un fondo per aiutare i lavoratori dello spettacolo, con queste modalità:

"Gli artisti di un certo calibro che fanno i palazzetti hanno nei loro contratti una cosa chiamata anticipo minimo garantito. E tutti gli artisti che hanno rimandato le rispettive tournée in qualche modo hanno percepito una somma di denaro importante. Io stesso, che devo discutere il mio contratto di booking, metto a disposizione il 100% del mio anticipo. Se tutti gli artisti mettessero a disposizione una parte del loro anticipo per istituire un fondo porteremo avanti un po' meno parole e un po' più di concretezza".

Fedez, la cui ultima tournée è stata organizzata da Vivo Concerti, non manca di lanciare una frecciatina alle agenzie:

"Io sono qui a disposizione e mi sento di dire alle stesse agenzie di booking che non hanno rimborsato i biglietti dei tour che sono stati rimandati che i soldini ce li hanno, in cassa... Sarebbe bello che partecipassero anche loro, perché mi sto un po' mordendo la lingua.".

Il rapper ha accennato anche a "Heroes", il concerto in streaming organizzato da F&P, Vivo e Live Nation, tra i principali promoter italiani, che lo scorso 6 settembre ha visto alcuni dei protagonisti della scena pop, rap, indie e rock italiana alternarsi sul palco dell'Arena di Verona per raccogliere fondi per aiutare i lavoratori del settore (9,90 euro il costo dei biglietti "virtuali" - ma erano in vendita biglietti a 35, 50 e 55 euro per assistere fisicamente all'evento: in Arena ammessi solamente 3800 spettatori). 30mila i biglietti virtuali staccati, secondo gli organizzatori, con un incasso di 297mila euro. Al di sotto delle aspettative, secondo Fedez, tra i partecipanti:

"L'evento che è stato fatto all'Arena di Verona purtroppo non ha portato i risultati che ci si aspettava, quindi potremmo unire le forze tutti insieme, secondo me è una bella cosa. A me non me ne frega una beata minchia di mettere il cappello su questa cosa. Ci sono grandi artisti italiani che hanno portato avanti questa causa e ne hanno lungamente dibattuto in tv. Se questi artisti vogliono prendere in mano le redini di questa cosa, a me non interessa prendermi i meriti di nulla. Questa cosa assume un senso solo se siamo un po' di artisti e si raccolgono milioni di euro".

Dall'archivio di Rockol - racconta la emo-trap di "Paranoia airlines"
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.