Il duetto in romanesco di Gianni Bismark e Emma

Sembra uscire fuori da una puntata dei "Cesaroni" o dalla colonna sonora di una versione urban 2.0 di "Rugantino". Invece anticipa il nuovo disco del rapper romano.
Il duetto in romanesco di Gianni Bismark e Emma
Credits: Ilaria Ieie

Gianni Bismark è un rapper romano che negli ultimi due anni è riuscito a farsi un seguito tra i seguaci della nuova scena capitolina, quella che è stata rivitalizzata dalle produzioni della 126 Crew, il collettivo trasteverino salito alla ribalta dopo il successo di Carl Brave e Franco126 (i suoi componenti più noti, anche se il primo ha poi intrapreso un percorso diverso dopo lo scioglimento del duo) e del loro "Polaroid", con pezzi come "Università", "È tutto vero", "Pregiudicati" e "So finiti i giochi". In "C'hai ragione tu" duetta con Emma Marrone, che con quel mondo lì ha iniziato a flirtare già da un po' (in "Stupida allegria", il singolo tratto dal suo ultimo album "Fortuna", c'era lo zampino dello stesso Franco126 e di Enphashishi', vero nome Giovanni De Cataldo, vicinissimo alla crew trasteverina e ai suoi membri, da Asp126 a Ugo Borghetti) e che torna ora a cantare con un rapper dopo le collaborazioni con Briga e Izi.

Il singolo, ha raccontato la cantante salentina, è nato la scorsa estate da una cena in giardino con Bismark (vero nome Tiziano Menghi) e Franco126 (torna nei panni di autore) nella sua casa romana a Monteverde, che guarda Trastevere dall'alto: "Gianni Bismark mi ha contattata su Instagram e mi ha scritto che appena sarebbe diventato più 'grosso' mi avrebbe chiesto un feat. Io gli ho risposto che con me non funziona così, perché conta la canzone. Mi ha mandato un paio di provini e l'idea mi è piaciuta subito. Appena siamo usciti dal lockdown ho organizzato una cena in giardino e mi sono ritrovata con Gianni e Franchino a scrivere questo pezzo fino a notte fonda. Questa è la storia, ci siamo incontrati e abbiamo fatto musica insieme".

È proprio allo stile rustico e aspro dei rapper trasteverini, ispirati dalla movida selvaggia che da ormai qualche anno a questa parte ha invaso il rione, culla della tradizione popolare romana più autentica e genuina, che sembra rifarsi quantomeno nelle atmosfere "C'hai ragione tu", ma in versione più romantica, recuperando una romanità più patinata ("E annamo a fa’ du’ passi per ste strade nude / Roma s’è fatta bella solo per noi due") rispetto a quella più cruda che caratterizza le produzioni della scena.

Il testo della canzone è un botta e risposta in romanesco un po' goffo e scomposto e un po' spassoso tra due ragazzi, lei (Emma) gelosa che si sente presa in giro, lui (Bismark) che nega di averla tradita e prova a rassicurarla. "Me importa solo de te, tutto il resto è noia / mica perdo la testa per la prima che se’ spojia / Non lascio niente al caso, bella vacci piano / Ti pensi che so’ cambiato, sai che non è vero", canta Bismark. E Emma fa l'offesa: "Me stai a di' solo fregnacce, t’ho visto co’ quella / Non vedi ch’è tutta moine, con te che c’azzecca? / M’hai detto tutte quelle cose, te pensavo n’altro / Hai fatto tutte quelle storie per portarmi a letto".

Caricamento video in corso Link

Sembra uscire fuori da una puntata dei "Cesaroni" (ricordate la fiction incentrata sulla famiglia allargata di Claudio Amendola e Elena Sofia Ricci, tutta ambientata alla Garbatella, peraltro lo stesso quartiere romano dove è nato e cresciuto Bismark?) o dalla colonna sonora di una versione urban 2.0 di "Rugantino", la commedia in romanesco di Garinei e Giovannini ambientata nella Roma papalina della seconda metà dell''800 (celebre l'interpretazione di Enrico Montesano, nei panni del protagonista della seconda edizione, portata in scena a partire dal '78). Invece "C'hai ragione tu" anticipa l'uscita del repackaging dell'ultimo disco di Gianni Bismark, "Nati diversi: ultima cena", in uscita il 9 ottobre, che conterrà - oltre al duetto con Emma - anche il singolo "Sempre in tuta" (con Dani Faiv).

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.