"Weird Al" Yankovic fa cantare Trump e Biden: la parodia del dibattito tv

Il comico-musicista americano torna a provocare. E stavolta lo fa prendendo in giro il presidente degli Usa e il suo sfidante.
"Weird Al" Yankovic fa cantare Trump e Biden: la parodia del dibattito tv

"Weird Al" Yankovic, il genio delle parodie, fa cantare Donald Trump e Joe Biden in una caricatura, in forma di video, del loro dibattito tv dello scorso martedì, che ha conquistato le prime pagine dei giornali in tutto il mondo per via delle tante frecciatine che i due si sono lanciati nel corso del confronto ("È stato un gran casino dentro un cassonetto in fiamme dentro un disastro ferroviario", ha sentenziato un commentatore della CNN subito dopo la fine dell'incontro). Nel suo video, realizzato insieme al quartetto comico americano dei Gregory Brothers, Yankovic - nei panni di Chris Wallace, l'anchorman americano che ha svolto il ruolo di moderatore del dibattito - riprende alcuni passaggi dell'incontro e commenta con bizzarre espressioni facciali e riflessioni le dichiarazioni di Trump e Biden, prendendoli in giro.

Caricamento video in corso Link

Attore, cantante, imitatore, fisarmonicista, regista, musicista, compositore e produttore, Alfred Matthew Yankovich - questo il vero nome di "Weird Al" ("Al lo strano"), ha pubblicato il suo primo singolo nel 1979 ("My Bologna", una parodia di "My Sharona" degli Knack), ma la sua popolarità è cresciuta in maniera esponenziale solo dopo la nascita di MTV, che trasmise a partire dal 1984 (e fino al 2006) il suo "Al TV", lo show in cui il comico-musicista faceva delle interviste fittizie a delle celebrità, commentava le ultime news musicali, leggeva le lettere dei fan, il tutto con un bel tocco di umorismo. Tra le tante interviste fittizie realizzate da Yankovic, prendendo dei filmati da vecchie interviste che il comico modificava tagliando le domande e registrando altre domande che avevano spesso l'obiettivo di beffare l'intervistato, vale la pena ricordare quelle a Boy George, Madonna, Paul McCartney, George Harrison, Sting, Ozzy Osbourne, Tom Petty, Prince, Bruce Springsteen, Mariah Carey, Mick Jagger e Keith Richards, Robert Plant, Cher, Snoop Dogg, Michael Stipe, Steven Tyler, Eminem, Britney Spears e Justin Timberlake.

Le parodie di Yankovic sono state spesso malviste dai protagoniste dello showbiz. Prince, ad esempio, negò più volte al comico il permesso di registrare parodie delle sue canzoni, come rivelato dallo stesso Yankovic. Jimmy Page dei Led Zeppelin gli impedì di realizzare una parodia delle canzoni dei Led Zeppelin in chiave polka (stessa cosa fecero gli U2). E quando a Paul McCartney fu chiesto il permesso di registrare una parodia di "Live and let die" degli Wings cambiando il titolo in "Chicken pot pie", l'ex Beatle, vegetariano convinto, suggerì di cambiare la parodia in "Tofu pot pie", ma a quel punto Yankovic non si disse più interessato. Nel 2006 il comico registrò una parodia di "You're beautiful" di James Blunt, "You're pitiful", facendo arrabbiare i discografici del cantautore.

"Weird Al" Yankovic ha all'attivo quattordici album, dall'eponimo esordio dell''83 a "Mandatory fun" del 2014, passando per "Dare to be stupiud" dell''85, "Alapalooza" del '93, "Bad hair day" del '96 e "Straight Outta Lynwood" del 2006.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.