"Pleased to meet you": incontri con le star. Shakira

Faccia a faccia con i grandi del pop e del rock: i ricordi di Massimo Cotto
"Pleased to meet you": incontri con le star. Shakira

La prima volta che vidi Shakira a New York fu indimenticabile, ma non per ragioni musicali. Era il 12 novembre 2001, due mesi dopo l’attentato alle Torri Gemelle. Nessuno dei giornalisti italiani se l’era sentita di prendere un aereo per la presentazione in grande stile del primo disco della cantante colombiana in lingua inglese. Ero solo, sul volo della Continental. Mi sorpresi non poco quando il comandante annunciò di aver iniziato la discesa verso
l’aeroporto di Boston. Distratto come sono da sempre, mi convinsi di aver sbagliato volo. Fu l’agitazione degli altri passeggeri a farmi capire che si temeva un nuovo attentato. Il Boeing 587 dell’American Airlines diretto a Santo Domingo era esploso subito dopo il decollo da JFK.
Dopo cinque ore di volo sopra gli aeroporti di Filadelfia e Boston, tutti congestionati, ci fecero atterrare a Newark, nel New Jersey. New York era in stato d’assedio, con più poliziotti che semafori.
Vidi lo showcase, in un locale della 52esima. Ci arrivai a piedi. Per strada, il deserto. Siccome l’album s’intitolava "Laundry Service", avevano steso fili del bucato da una parte all’altra dell’ingresso con appesi capi di biancheria intima che si diceva appartenessero a Shakira: slip, calze, reggicalze, guêpière, reggiseni. Alla fine del breve concerto, tutti si precipitarono a staccare un pezzo per portarlo a casa come ricordo.
Io, timido piemontese, non ebbi il coraggio.

Qualche mese dopo, rividi Shakira a Milano e ricordammo quell’episodio. Lei mi chiese: “Tu hai preso qualcosa?”. Risposi di no. Si sfilò il reggiseno da sotto la maglia come Jennifer Beals in "Flashdance" e disse: “Be’, prendilo adesso”.

Conme c’era il mio giovane regista. Mi guardò e disse: “Io da grande voglio fare il tuo lavoro”.

(Leggi le puntate precedenti: Nick Cave)

Il testo qui sopra è tratto, per gentile concessione dell'editore e dell'autore, da "Pleased to meet you - Spigolature pop", il libro di Massimo Cotto pubblicato da VoloLibero, che presenta "duecento artisti ritratti con un flash, con uno scatto rubato".

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/JM-3yFh_TATWlPoOOB19KdA-uRY=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/pleased-to-meet-you.jpg

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.